“Sicilia, terra mia” di Cettina Lascia Cirinnà

“Quannu ti piensu
na lacrima
mi scinni
sula, sula
m’agniuttu…
Avi u sapuri amuru
ra luntanza.
Sicilia, terra mia
amuri e odiu
pruovu ppi tia
matrigna, fusti
ppi mia.
Aiu desideriu
ri l’aria frisca ra matina
Aiu desideriu ro mari
Aiu desideriu ro suli
Vulissi sentiri nautra vota
comu quannu eru picciridda
u ciauru ra zagara e ra citrunella
ca nun sentu ciù
ri tantu tempu.
Ora ca sugnu ranni
e canusciu a vita
vulissi turnari ni tia….
piddunami… Matri mia.”

versi di Cettina Lascia Cirinnà

3 pensieri su ““Sicilia, terra mia” di Cettina Lascia Cirinnà

  1. la lontananza scorre nelle vene, è un succo che brucia da madre a figlia
    solca il loro cielo in terra, ogni volo, migrazione e caduta è lacrima che s’inghiotte, memoria che ritorna

    grazie Cettina
    elina

  2. … e tra poco del viaggio la meta è nota e il cerchio si completa puntino dopo puntino racchiuso in una linea circolare e chiusa per ogni anno passato a ricordare la giovinezza … i sogni si congedano da noi e sono stelle che risplendono soltanto in cielo(per sempre).

    grazie ad Angela e a Elina
    cettina

  3. è nella mia natura più autentica credere nei sogni e spronare coloro ai quali volgio bene a fare altrettanto…Cettina, non permettere mai a nessun sogno di congedarsi da te ed anche se sono stelle, tu rubale per realizzarli!! grazie per essere qui!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.