…e che sia rinascita!

” […] sorprendersi a frugare parole

nelle tasche dei sognatori

quali stelle pungenti, e blande

le piccole cose incolte, i felici avanzi bastanti

alle figure del poeta, belle

come una guarigione

insperata

o un ritorno, atteso

e poi ristare

a piacersi la vita, gli strascichi taciuti

nel momento in cui collima l’essere

silenzioso di suoni e il battito

maestoso delle ali”

(Cataldo A.Amoruso)

http://krimisa.blogspot.it/2012/04/detta-male.html

*     *     *

per questa giornata di Pasqua, festa che invita  alla rinascita anche i non cattolici, incoraggiati dal risveglio della Natura e dei sensi, ho scelto le parole di un poeta che – non ne faccio mistero – ammiro molto sia dal punto di vista della scrittura, che della sua straordinaria capacità di rendere in versi e condividere quello che spesso è un peso, ovvero il Vivere quotidiano, con le sue angosce e le sue paure, ma anche – come in questo caso – con la sua gioia; quest’ultima sempre accompagnata da un sospiro di pudore e di meraviglia, come se da un momento all’altro potesse fuggire via.

L’insieme dei versi è pervaso da un senso di sorpresa e si ascolta, sussurrata, una voce che incoraggia alla meraviglia e alla gioia; quest’ultima, espressa nell’essere Poeta, è paragonata mirabilmente ad un ritorno, magari quello della persona amata o semplicemente di se stessi, e ad una guarigione – forse quella dal non scrivere, o quella dal male di esserci in questa vita, o forse ancora da quella fisica per un motivo qualunque – “insperata”, nella quale non si credeva più e per questo ancora più grande…ecco, così, senza null’altro aggiungere, credo che al meglio (e involontariamente) il Poeta abbia cantato l’essenza vera di questa giornata. Giornata che, non dobbiamo dimenticare, rende consapevoli che prima di approdare alla resurrezione occorre attraversare l’ingrato giogo della morte.

Così, “nelle tasche dei sognatori”, la Poesia, che svela l’Essere e fa spiegare le grandi ali, e le sue parole sono lì a pungere e a destare, per regalare ancora, dono inatteso, la ri-nascita e la ritrovata felicità.

(Angela Greco)

3 pensieri su “…e che sia rinascita!

  1. Sorpreso, molto…me l’ero dimenticata, e certo non me l’aspettavo. E poi, che dirti? Credo proprio che tu mi capisca meglio di quanto io sia in grado di fare…forse devo superare il mio conflitto di…disinteresse.
    Auguri
    e grazie.

    1. ed io? che dire a te? grazie? molto, molto di più…
      ònere ed onòre (ma per ridere anche honorè che è più dolce ;-))mi fermo solo a leggere quello che scrivi. soprattutto, mi fermo per ‘sentire’ quello che dici…
      sei adorabile! ti abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.