dipendenza (Cettina Lascia Cirinnà)

quando arriva sera
mi manca il mare

il tramonto della vita
bacia la notte
si riflette sulle onde
sinuose

tentatrici dell’Anima

totalmente abbandonata
tra i flutti
si lascia trasportare dalla corrente
si abbandona alla quiete
del mare calmo di una sera

diversa

inspiegabile

incomprensibile

non negarmi questa dipendenza

3 pensieri su “dipendenza (Cettina Lascia Cirinnà)

  1. vi è un fiato unico in questi versi che dicono la presenza e il desiderio tenuto sempre acceso
    un filo cucito nel tempo fitto di ricordo e nostalgia

    grazie Cettina

    1. …grazie Angela, Elina per i vostri commenti; la mia nostalgia del (mio) mare è vero non si placa, con il passare degli anni aumenta a dismisura e in prossimità delle vacanze estive si placa nell’attesa…di ritornare alle origini…la terra di Sicilia.
      Un abbrccio e buone vacanze a tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.