il mio mare (versi di Cataldo A.Amoruso)

spiaggia di San Cataldo, Cirò Marina (KT) - foto di Angela Greco

il mio mare di bambino cominciava sempre alla stessa ora
dal bordo di una barca immobile
dove finivano i terremoti
a cuccuvedda li annunciava
quasi a scherzare tragica
finivano in risa di pantàsimi
e radici sguainate, nere del mandarino enorme
a notte di lenzuola che scuoteva il vento
nei fili e ferro che vibravano
tumidi di pioggia, i resistenti
in pali che indovinavo infissi nel costato
dei guerrieri sotterranei, i sempre presenti

il mio mare finiva dove cominciava l’incubo delle caverne
alla stessa ora che segnava il tempo
un fischio di locomotiva, come un ritardo che tutto riconduce a capo

e andavo,
a lato di rovine

Annunci

2 thoughts on “il mio mare (versi di Cataldo A.Amoruso)

  1. Grazie dell’attenzione, ma mi sento in dovere di dirti -forse l’ho già fatto- che ospitare le mie ‘cose’ in qualche modo potrebbe danneggiarti. Te lo dico perché ho capito che alla poesia -‘cosa’ con la quale io non c’entro proprio- ci tieni.
    Ciao.

    1. *
      grazie tante! è da stamattina che sto impazzendo con le nuove regole che WordPress ha imposto per le fotografie ed il tuo commento è il premio alla mia cocciutaggine ;-)!
      verissimo, mi danneggiano le tue cose nella misura in cui non posso essere in questi luoghi che descrivi e che tanto parlano di te….e, poi – questo te l’ho detto io – non sei tu che “c’entri” con la Poesia, ma è lei che “ci entra” dentro e ci tiene con sè.

      un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...