Antichi ricordi…(versi di Mirta De Riz & opere di Giuseppe Faraone)

Riverbero sul Grande Fiume. - Giuseppe Faraone Art
Giuseppe Faraone, Riverbero sul Grande Fiume – olio su tavola cm 43×28, 2013

 

SENZA PACE

VAJONT

1963 – 2013

 

Arcane ombre

strascicano lenti passi

all’alba di luce mancata,

in ogni ottobre di ricordo.

 

Affondate in un’esistenza

senza palpiti,

essenze vagano alla ricerca di vite strappate,

scostando coltri di nebbia

tessute con fili di rancore e di oblio.

 

In rovine di case

dall’acqua e dal tempo violate,

fugaci ombre siedono

accanto a solitudini

lamentando recisi affetti.

 

Cerca lo stupore

dell’estremo attimo il suo perché,

pretende lungo, atroce dolore

dovuto riscatto.

 

Alita d’intorno

umido profumo di sottobosco;

aleggiava ovunque dolciastro

odore di morte.

 

Su tutto l’ombra sinistra di una montagna,

non più di cedevoli sassi,

ma di pittate foglie:

quante mendaci parole!

 

E LA NATURA OFFESA,

CIECA D’IRA,

NON RICONOBBE NEPPURE

I FIGLI SUOI.

 

*

 

E’ TEMPO DI …

 

Cielo, avvolgimi con un lembo

del tuo stellato manto.

Notte, siedimi accanto;

silenzio accenditi ora;

sss… non mi distrarre…

 

E’ tempo di pensare.

 

Arranca il carretto

con i giorni passati,

drammi, speranze,

miserie e riscatti;

delicato nido di piume

il cuore di futuro vestito;

vecchio di vita il mio volto.

 

E’ tempo di raccolto.

 

Ogni dolore il tempo ha disperso,

di ogni gioia rimane voce senza eco,

Gelida mi abbraccio stringendo

il niente già tutto scordato.

 

Ed è tempo

di un inverno mai passato.

 

Un petalo di tenerezza si scioglie

in una lacrima,

vita per fiore mai sbocciato.

 

Nell’anima mia graffi di piccola mano

 

sono ora lievi carezze.

 

E’ un dolce dono.

 

Tempo di perdono.

 

*

[Mirt De Riz, 2013]

 

Antichi ricordi - opera di Giuseppe Faraone
Giuseppe Faraone, Antichi ricordi – olio su tavola cm 43×28, 2013

l’artista si può “incontrare” sul suo sito www.pinofaraone.it

10 pensieri su “Antichi ricordi…(versi di Mirta De Riz & opere di Giuseppe Faraone)

  1. La poesia di Mirta De Riz incontra l’arte di Giuseppe Faraone, pittore milanese dal tocco impressionista e dal colore suggestivo nella sua luce e nei tratti che rimandano ai contorni del sogno, allo sfumato di quel che abbiamo dentro e riemerge quasi senza essere chiamato, perché è già parte di noi. Così, ho scelto di accostare queste opere alla voce friulana di chi da anni ha dentro un ricordo indelebile, fatto suo nell’esperienza del vissuto del ricordo, appunto, delicatamente eppure con nitore espresso e raccontato alle generazioni successive, così come deve saper fare la poesia.
    Due voci differenti a cogliere la poesia ovvero il reale del momento.

    grazie per aver accettato la mia proposta di essere qui, con noi.

    A.G.

  2. Bellissimi versi, toni immaginifici e distensivi, dolore profondo ma non gridato! E i dipinti di Giuseppe scolpiscono la luce!!

  3. Vajont la conoscevo già, Mirta carissima ed ogni volta l’emozione mi attanaglia il cuore…La seconda invece la gusto per la prima volta e, come spesso mi accade, ci tornerò sopra per lasciarmi prendere da tutta la sua atmosfera. Bellissimo l’accostamento con i quadri che materializzano per incanto il senso della tua poesia. Complimenti all’autore e per te una stima che cresce, man mano che la poesia disvela l’essenza tua più pura. Con affetto, Emy

  4. Ringrazio Angela che mi fa onore di pubblicare i miei versi in questo importante spazio artistico.
    Le sue parole di commento sono sempre generose e consegnate con il cuore.
    Giuseppe Faraone poi , impreziosisce questa pagina con due belle Opere.
    Ringrazio chi ha voluto lasciare un commento, in particolare Emy.
    Grazie ancora.

  5. Complimenti agli Autori, tratto impressionista si, ma vagamente acquerellato che lo rende particolarmente unico e perfetto accompagnato a questi versi capaci di dire stemperando dolore e vita che di affanno in affanno, va.
    bravissimi. perfetta collaborazione.

  6. Bellissimi i versi. Mi hanno emozionato e reso ancora vivo il ricordo della tragedia del VaJont. Ero un bimbo ma sentii un brivido identico a quello di adesso. Valido l’accostamento delle opere di Faraone, anche se non è il genere pittorico che prediligo. Grazie Mirta e Angela.

  7. La poesia di Mirta, “Senza pace”, sferza l’anima con gelidi ricordi lunghi cinquant’anni dove non si è mai parlato di perdono, mentre nella poesia “E’ tempo di…” il perdono arriva come un dono. La pace nei colori dei due quadri di Giuseppe Faraone suggellano questo meraviglioso connubio. Un abbraccio, con molto affetto per l’amica Mirta… Mara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.