Avanguardie russe: Costruttivismo, Suprematismo e influenza del Futurismo italiano (per Arte in presa diretta, rubrica a cura di Costantino Piazza)

Composition by Walter Dexel
Composition by Walter Dexel

.

Per ragioni politiche e propagandistiche nell’arte legata alla Russia ha sempre prevalso la corrente realista; ciò nonostante, agli inizi del Novecento, prima e dopo la rivoluzione di ottobre, si svilupparono due movimenti avanguardistici con connotazioni molto diverse, pur risentendo entrambe degli influssi del Futurismo: il Costruttivismo e il Suprematismo.  Le teorie dei futuristi, oltre che in Germania, dove il movimento italiano era molto conosciuto e apprezzato, attecchirono anche in Russia grazie alle conferenze tenute in loco da Marinetti nel 1914; tali teorie si basavano su alcuni elementi fondamentali, quali lo spazio e il tempo: dello spazio, il volume non era l’unico elemento considerato, mentre elementi cinetici e dinamici dovevano essere usati per esprimere la vera natura del tempo, poiché i ritmi statici non erano più sufficienti, in perfetta sintonia con le idee del Futurismo.

Naum Gabo Linear Construction in Space No. 1
Naum Gabo Linear Construction in Space No. 1

.

Il Costruttivismo e il Suprematismo convissero simultaneamente in quel panorama artistico. Il primo rifiutava l’arte per l’arte, considerandola una pratica per scopi sociali. Vladmir Tatlin iniziò assemblando ingegnosamente più materiali, mettendo le basi per un’arte nuova, utilizzando materiali insoliti, mai usati dagli artisti in precedenza. I costruttivisti basavano i loro concetti sulla riproduzione del nuovo mondo, usando mezzi espressivi e materiali concreti di quel mondo stesso e le tecnologie venivano considerate nella misura in cui potevano risultare utili per costruire la nuova realtà; nuova realtà, che sembrava poter fornire la possibilità di un mondo migliore.

tatlin-tower
Tatlin, Tower

.

I materiali da costruzione utilizzati da Tatlin diventarono così simbolo dell’arte nascente, rivoluzionaria, proletaria e bolscevica e il costruttivismo fu applicato all’arredamento, al design tessile e anche alle scenografie teatrali. Il movimento fu al servizio della rivoluzione e al contempo rappresentò una voce creativa nell’attività cognitiva, materiale e per molti aspetti anche nella spiritualità personale e in apparente contraddizione, apportò astrazioni nelle opere d’arte, pur prendendo spunto dalle forme che l’industria conteneva in sé.

Vladimir Sukhov. Tower
Vladimir Sukhov, Tower

.

Il Suprematismo, invece, volgeva la sua concettualità alla supremazia della pura sensibilità, essenziale a prescindere dall’ambiente nel quale essa aveva avuto vita. Il manifesto della corrente, fu redatto da Kazmir Malevic con l’aiuto di scrittori, tra cui il poeta Vladimir Majakoskji: l’arte doveva assecondare una sensibilità plastica, ovvero mostrare il mondo della non rappresentazione e l’artista doveva raggiungere la sua essenza attraverso il colore, unico elemento espresso nel miglior modo possibile nel dipinto astratto.

quadrato rosso e quadrato nero - Kasimir Malevich 1915-
Kasimir Malevich, quadrato rosso e quadrato nero (1915)

.

Quindi arte fine a se stessa, concretizzazione della sensibilità, poiché quest’ultima rappresentava il valore perpetuo ed autentico di un’opera d’arte; qualunque fosse la scuola di appartenenza, era espressione della sensibilità, unico elemento che realmente contasse. L’oggetto in sé, per la corrente dei suprematisti non significava nulla, per cui l’arte doveva pervenire all’espressione pura, senza rappresentazione: ecco che la pittura si presenta con il rigore di un teorema geometrico e possiede soprattutto valori ritmici e costruttivi; una forma di astrazione geometrica che, a differenza del costruttivismo, non doveva contaminarsi con un’azione pratica nella realtà concreta, ma doveva rimanere nel proprio contesto intellettuale. [Costantino Piazza]

Lazlo Moholoy
opera di Lazlo Moholoy
Annunci

4 thoughts on “Avanguardie russe: Costruttivismo, Suprematismo e influenza del Futurismo italiano (per Arte in presa diretta, rubrica a cura di Costantino Piazza)

  1. Come vedete, oltre 100 anni fa le sinergie tra le arti esistevano già. Purtroppo non sappiamo vedere oltre il nostro naso a volte. Quasi tutte le correnti artistiche sono nate dalla letteratura, anche le più insospettabili. A volte l’arte ha inciso maggiormente, come nel caso dei futuristi, a volte ha preso il sopravvento la letteratura come nel caso del romanticismo che ha coinvolto anche la musica. Quello che è importante è il pathos che tutte le espressioni riescono a trasmettere, tutto il resto è noia come diceva qualcuno ed è quella che maggiormente si vende. Un caro saluto a Romeo, Cettina e tutti i lettori.

  2. Un argomento molto interessante quello inerente l’arte russa, di cui ringrazio calorosamente Costantino e gli Amici che hanno voluto essere parte concreta di questo argomento con le oro parole. Una predilezione particolare da parte mia per quelle espressioni e per gli stessi artisti che hanno utilizzato il mezzo arte appunto, anche per esprimere una ideologia o un’alternativa alla realtà, come leggo e vedo nel caso del Suprematismo, concretizzazione – in ossimoro con l’etimologia del termine – dell’utopia comunista – qui considerata solo in questo aspetto ovviamente inerente l’arte – del luogo ancora da realizzare, qual è ancora oggi l’arte fine a se stessa, scevra da interessi economici e da manipolazioni della società-dei-propri-interessi… Un argomento che speravo aprisse una breccia nel muro di silenzio che ci attanaglia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...