dai Sonetti di Federico García Lorca

desiderio by G

 

La donna lontana
Sonetto sensuale

Le infinite fragranze dalla tua bocca effuse
sono nuvole profumate così dolci da uccidere.
Il mio corpo è come un’anfora d’oscura notte
che versa in te l’essenza, pazza divina!

I tuoi sguardi si perdono in dolci sentieri,
per te Notte ed Erebo tornano al Nulla,
dinnanzi a te Febe si placa, languida e umiliata,
e una brina di fiori scende sul capo di Eros.

In una notte blu e nel giardino silente,
mentre sogni di regioni brumose
e il piano placa il canto dell’oblio,

la stella del mio bacio si poserà sulla tua fronte,
la fonte della mia anima t’inonderà di rose
e vibrante di suoni il piano canterà.

*

Federico García Lorca, Sonetti
tratto da Le più belle poesie a cura di M.G.Simoni, BarberaEditore

Annunci

2 thoughts on “dai Sonetti di Federico García Lorca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...