La Visitazione, di Jacopo Carucci detto il Pontormo per sassi di arte a cura di G.Chiantini & A.Greco

Pontormo-Visitazione1

Jacopo Carucci detto il Pontormo, La Visitazione (1528)

olio su tavola, cm 202×156, conservato nella Cappella Capponi nella propositura dei Santi Michele e Francesco a Carmignano (PO)

*

Jacopo Carucci detto il Pontormo (Pontorme, 24 maggio 1494 – Firenze, 2 gennaio 1557) avviò una sistematica opera di rinnovamento degli schemi compositivi della tradizione, talvolta in maniera spregiudicata, cercando di reagire al classicismo pittorico attraverso un’inesauribile vena sperimentale e anticlassicista. Questo dipinto è forse il punto più alto di quella che A. Chastel (Storia dell’arte italiana, Laterza, Bari, 1983, p. 397), definisce il primo periodo della Maniera, quello dell’orientamento anticlassico, iniziato a realizzare a Firenze, da artisti come Rosso Fiorentino e lo stesso Pontormo, che forzarono i modelli dei loro maestri Leonardo, Michelangelo e Raffaello, producendo opere suggestive e visionarie.

“In quei giorni Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore”. (Vangelo di Luca 1, 39-45)

Pontormo-Visitazione1 - CopiaNel suo saggio sul Pontormo (Art Dossier n. 110, 1996), Philippe Costamagna evidenzia come la Visitazione, oggi visibile presso la pieve di San Michele a Carmignano, stia a simboleggiare non solo – come voleva la tradizione – la transizione dall’Antico al Nuovo Testamento, raffigurati rispettivamente da Elisabetta e Maria, ma rappresenti anche un’allegoria dell’auspicato passaggio delle consegne tra la vecchia Chiesa romana e la nuova Chiesa cattolica. Pontormo dipinse infatti quest’opera nel periodo della “Repubblica cristiana”, come si era definita la giovane repubblica fiorentina del 1527, nata dopo la fuga dei Medici conseguente al sacco di Roma da parte dell’esercito imperiale composto per la maggior parte da lanzichenecchi luterani. Il desiderio di una riforma della Chiesa – che per il Pontormo non poteva che avvenire seguendo le passate indicazioni del Savonarola – era molto sentito in Italia grazie all’opera di Erasmo da Rotterdam, più che di Lutero. 

Tra i particolari che caratterizzano quest’opera, il primo riguarda le due figure sullo sfondo, una ragazza e una donna di mezz’età; esaminando la loro posizione, si nota subito, come esse siano disposte simmetricamente rispetto a Maria ed Elisabetta, costituendo una sorta di rafforzamento simbolico, poiché la giovane donna sta a fianco di Maria, mentre la donna più matura – forse Sant’Anna – sta dalla parte di Elisabetta. Entrambe fissano il riguardante, come per invitarlo a fare memoria della scena – l’abbraccio quasi paritario tra la Vergine ed Elisabetta – che si svolge davanti a loro. Appare chiaro che anche le due donne sullo sfondo, con la loro diversa età, rappresentano l’una la Chiesa ideale, il rinnovamento, l’altra la tradizione da conservare parzialmente. Esse sembrano dire: “Guardateci, siamo noi la giusta via da percorrere”. La composizione simbolica della scena risulta quindi dall’interazione di tutte e quattro le figure presenti.

Un altro dettaglio è l’espressione degli occhi: la Vergine ha uno sguardo di amorosa richiesta, mentre il volto di Elisabetta esprime tenera conferma; come a dire che la nuova Chiesa – Maria – chiede di essere ascoltata e accolta, mentre alla Chiesa romana – Elisabetta – tocca il ruolo d’accoglierla con tenerezza. Per avvallare la propria legittimità, la nuova Chiesa, rappresentata dalla figura di Maria, si presenta ad Elisabetta con un gesto rivelatore, le tocca in modo innaturale ma simbolico il braccio: la posizione della mano destra di Maria, infatti, sembra evocare, attraverso una ripartizione innaturale delle dita, la Trinità. Quale miglior viatico per rifondare la Chiesa cattolica?

Pontormo-Visitazione1 - Copia

In due precedenti visitazioni – realizzate tra il 1514 e il 1516 ed oggi visibili rispettivamente a Palazzo vecchio ed alla Santissima Annunziata in Firenze – lo stesso artista aveva riportato la posizione di Elisabetta, quasi in ginocchio, in un atto di deferenza e ammirazione strettamente legato al passo del Vangelo di Luca che riproduceva; questa del 1528, invece, appare più innovativa e di rottura e a tutt’oggi, assieme alla Deposizione di Rosso Fiorentino, tra le più moderne e suggestive, anche per l’uso del colore, di questo primo periodo della Maniera italiana.

[Giorgio Chiantini & Angela Greco]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...