Quattro sassi con…autori contemporanei in 4 poesie: Vincenzo Mastropirro

Quattro sassi con - Il sasso nello stagno di AnGre

“La Giuria del Premio Lerici Pea ha conferito il Premio “Paolo Bertolani” 2015 , dedicato alla poesia dialettale, al pugliese Vincenzo Mastropirro, con la seguente motivazioneLa ricerca poetica di Vincenzo Mastropirro affida a uno dei dialetti più suggestivi del Bel Paese la voce inconscia e materna della Poesia vera, che non ha lingua maggiore né minore, non è antica né contemporanea, ma aspira alla salvezza del mondo delle Origini, fra canto e balbettio, parola e musica, onirismo e iperrealismo, sospesa fra urgenza di testimoniare un mondo perduto e fiducia di proiettarsi nella modernità.” – Roberto Pazzi, Lerici (SP), settembre 2015

*

quattro poesie tratte da Poésìa sparse e sparpagghiòte (Poesia sparsa e sparpagliata) CFR Edizioni Piateda (So), 2013

.

sempre e ovunque

Quanne u fiote s’accarne

ogne vibrazione devènde museche

.

da dà, camèine, scappe e po’ abbuaisce

patrune-e-suotte, du timbe e du sune.

.

Quando il fiato s’accarna,/ ogni vibrazione diventa musica/ / da lì, cammino, corro e poi volo/ padrone e schiavo, del tempo e del suono.

(pag.13)

*

Sotte u tacche du stevole

Ce me sbattene cume nu puolpe

sope a nu scoglie de more

u core s’arrizze e maine sanghe

.

sanghe russe, sanghe vèive

sanghe de zappatiure, sanghe de marenore

.

sanghe ca u sanghe, u omme scettote addavère

pe’ sendisse dèisce po’ ca nan si bbune a nudde

ca stè lendone da stu munne

nu munne ‘ncartote de suolde

nu munne ca te desprìézze.

.

Nan è ad-acchessèje,

omme note dò e dò ne stome

almène èje stoche dò

sotte u tacche du stevole

.

fisse, chiandote ‘ndìérre,

sèmbe prònde ad allenguò radèisce

u cchiù affunne possibele.

.

Sotto il tacco dello stivale

Se mi sbattono come un polpo/ su uno scoglio di mare/ il cuore si arriccia e butta sangue/ / sangue rosso, sangue vivo/ sangue di contadini, sangue di marinai/ / sangue che il sangue, l’abbiamo buttato davvero/ per sentirsi dire poi che non sei buono a mente/ che sei lontano da questo mondo/ un mondo incartato di soldi/ un mondo che ti disprezza./ / Non è cosi,! siamo nati qui e qui ci stiamo/ almeno io sto qui/ sotto il tacco dello stivale/ / fisso, piantato a terra,sempre pronto ad allungare radici/ le più profonde possibili.

(pag.32)

*

La gìénde

La gìénde nan se rènne cunde

nan s’accundènde cchjue

e ce guarde u munne dalla liune, vèite

ca u stonne a fo a bochere a buochere.

.

Caminene, scappene e fuscene,

vonne ‘nanze e rète ca parene fermèiche

cu la pretese d’èsse gegande.

.

Èje sacce ci so. E tiue ci si?

Èje so èje e nan sacce ci si tiue!

Tiue nan si nudde ed èje so chere ca so.

.

Sime chère ca sèime. Virme attercigghiote

viste da saupe, da lendone ma pure da suotte

a tu-a-tiue, a facce a facce.

.

La gente

La gente non si rende conto/ non si accontenta più/ e se guardi il mondo dalla luna, vedi/ che Io stanno bucherellando./ / Camminano, scappano e fuggono,/ vanno avanti e in dietro che sembrano formiche/ con la pretesa d’esser giganti./ / lo so chi sono. E tu chi sei? / Io sono io e non so chi tu sia!/ / Tu non sei niente ed io sono quello che sono./ / Siamo quel che siamo. Vermi attorcigliati/ visti da sopra, da lontano/ ma pure da sotto/ a tu per tu, faccia a faccia.

(pag.58)

*

U diarie

So prevote a tenaje nu diarie

quanne ere uagnaune.

.

Guardaje re pagene numerote

ma nan arresciaje a scrive nudde.

.

Cchiù passaje u timbe

cchiù re pagene geraine vacande.

.

U vute du diarie, però

ìégne la vèite de sunne

ed è inutele scrive illusione.

.

Le sunne nan vonne mè scritte.

.

Le sunne, chire ca addavere le vè apprisse,

quanne mène tu aspitte stonne ‘nanze a taiche. Auandele.

.

Il diario

Ho provato a tenere un diario/ quando ero ragazzo./ / Guardavo le pagine numerate/ ma non riuscivo a scrivere niente./ / Più passava il tempo/ più le pagine giravano vuote/ / Il vuoto del diari, però/ riempie la vita di sogni/ ed è inutile scrivere illusioni./ / I sogni non vanno mai scritti./ / I sogni, quelli che davvero insegui, quando meno te lo aspetti sono vicine a te. Prendili.

(pag 54)

* * *

Vincenzo Mastropirro (Matera 1960) è di Ruvo di Puglia (Ba), vive a Bitonto. Flautista, compositore, poeta, didatta. Ha suonato per importanti teatri e sale concertistiche in Italia e all’estero Egitto, Francia, Inghilterra, Germania, Marocco, Spagna, Malta, Romania, Austria, Iraq, India, Grecia ed ha inciso oltre 20 CD col Trio Giuliani, col Mastropirro Ermitage Ensemble, con La Banda di Ruvo e con altre formazioni cimentandosi in un repertorio che va dal classico al contemporaneo, dalla contaminazione all’improvvisazione. Per la poesia ha pubblicato: Nudosceno LietoColle ed. Faloppio (Co) 2007; Tretippe e Martidde (questo e quest’altro) nel dialetto di Ruvo ed. Perrone lab Roma 2009; AA.VV. Pugliamondo, Edizioni Accademia terra d’Otranto – Neobar 2010; AA.VV. Guardando per terra – Voci della poesia contemporanea in dialetto – a cura di Piero Marelli, Lietocolle ed. Faloppio (Co) 2011 (con CD a cura di Vincenzo Mastropirro); AA.VV. Materia Prima 13 autori a cura di Letizia Leone, Giulio Perrone ed. Roma 2012; Poésìa sparse e sparpagghiòte (Poesia sparsa e sparpagliata) CFR Edizioni Piateda (So) 2013; AA.VV. L’Italia a pezzi Antologia di poeti italiani in dialetto a cura di M. Cohen, V. Cuccaroni, G. Nava, R. Renzi, C. Sinicco, Ed. Gwynplaine Ancona 2014; Tretippe e Martidde 2.0 SECOP Editore 2015. Ha vinto alcuni importanti premi letterari nazionali e compare in varie antologie, riviste e blog letterari. Gli è stato riconosciuto il Premio Lerici/Pea 2015 Sezione Poesia in dialetto “Paolo Bertolani”. Per musica e poesia ha pubblicato con Mastropirro Ermitage Ensemble: Ballate, su liriche di Alda Merini (cd Phoenix Classics, 1999); Mater Dolorosa, Stabat su laude dialettali pugliesi (cd Emmessegi 2003); Dopo molto di te, con liriche di Giampiero Gelmi (cd Lietocolle, 2007); Songs, su liriche di Vittorino Curci (cd Terresommerse, 2007); La bambina cieca e la rosa sonora su testo A. Farabbi (Libro/CD/DVD   Lietocolle, 2010); Musica lontana, su poesie in dialetto di V. Curci (cd Leo Records, 2011); Mater Dolorosa, Stabat su laude dialettali pugliesi (cd Digressione Music -nuova ed.- 2013).  Sito internet www.vincenzomastropirro.it

copertina-singola

Vincenzo Mastropirro

Annunci

3 thoughts on “Quattro sassi con…autori contemporanei in 4 poesie: Vincenzo Mastropirro

  1. Complimenti di cuore e con affetto a Vincenzo per i traguardi raggiunti – importanti per tutta la poesia pugliese – e un grazie particolare per aver accettato la mia proposta di far parte di questa rassegna da poco nata su Il sasso.

    Ad maiora!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...