Edith Piaf, “Non, je ne regrette rien” – sassi sonori a cura di Giorgio Chiantini

edith_piaf_by_yumnu-d2yd4v2_

Non, je ne regrette rien (in italiano “No, non rimpiango niente”) è una canzone del 1956 composta da Charles Dumont con parole di Michel Vaucaire. Divenne celebre nell’interpretazione di Édith Piaf – pseudonimo di Édith Giovanna Gassion  (Parigi, 19 dicembre 1915 – Grasse, 10 ottobre 1963) – che la registrò la prima volta nel 1960, medesimo anno in cui fu presentata all’Olympia, come la canzone di congedo dalla musica della cantante in attesa di guarigione. La canzone si può considerare il simbolo della vita tragica di quest’artista, che, dopo i problemi di salute legati anche all’uso di droghe, aveva promesso al mondo intero di ripartire da zero senza guardare al passato. Tale promessa fu bruscamente troncata dalla sua scomparsa avvenuta tre anni dopo, nel 1963. Il singolo raggiunge la prima posizione in Francia nel 1961 dove rimase per 18 settimane e nei Paesi Bassi, dove invece sostò ai vertici per cinque settimane.

Edith Piaf con le sue canzoni anticipò il senso di ribellione tipico dell’inquietudine che contraddistinse diversi intellettuali della rive gauche del tempo, quali Juliette Greco, Roger Vadim, Boris Vian, Albert Camus, per citarne alcuni. Grande interprete del filone realista (chanteuse réaliste), la Piaf fu nota anche come “Passerotto” – così soprannominata per la sua minuta statura (passerotto infatti nell’argotparigino si dice piaf) – e svolse la propria attività musicale tra gli anni trenta e sessanta, anche se di fatto mosse i primi passi nel mondo della canzone già ad otto anni, cantando per conto di suo padre in strada in cambio di qualche spicciolo e dove tuttavia incontrava  già anche il grande favore della folla. Definita come “l’ugola insanguinata”, la sua voce, caratterizzata da mille sfumature, era in grado di passare improvvisamente da toni aspri e aggressivi a toni dolcissimi,  lasciando che si percepisse in modo unico la gioia con il suono stesso della sua voce. In molti casi era lei stessa l’autrice dei testi delle canzoni che tanto magistralmente interpretava.

Artista dalla vita sfortunata e costellata da una miriade di fatti negativi (incidenti stradali, coma epatici, interventi chirurgici, delirium tremens e anche un tentativo di suicidio) in una delle sue ultime apparizioni pubbliche (qui, nel video proposto) la si ricorda piccola e ricurva, con le mani deformate dall’artrite reumatoide, con radi capelli e solo con la voce inalterata e splendida come sempre. (fonti varie dal web – anche per il testo che segue e la sua traduzione – immagine: Edith Piaf by Yumnu)

 – articolo a cura di Giorgio Chiantini –

Non, je ne regrette rien

Non, rien de rien

Non, je ne regrette rien

Ni le bien qu’on m’a fait

Ni le mal; tout ça m’est bien égal !

 

Non, rien de rien

Non, je ne regrette rien

C’est payé, balayé, oublié

Je me fous du passé !

 

Avec mes souvenirs

J’ai allumé le feu

Mes chagrins, mes plaisirs

Je n’ai plus besoin d’eux !

 

Balayées les amours

Et tous leurs trémolos

Balayés pour toujours

Je repars à zéro

 

Non rien de rien

Non, je ne regrette rien

Ni le bien qu’on m’a fait

Ni le mal; tout ça m’est bien égal !

 

Non rien de rien

Non, je ne regrette rien

Car ma vie, car mes joies

Aujourd’hui, ça commence avec toi

.

No, non rimpiango nulla

No, niente di niente! \ No, non rimpiango niente! \ Né il bene che mi hai fatto \ né il male, tutto questo mi è indifferente. \\ No, niente di niente! \ No, non rimpiango niente! \ È stato tutto pagato, cancellato, dimenticato. \ Me ne infischio del passato! \\ Coi miei ricordi, \ ci accendo il fuoco, \ i miei dispiaceri e i miei piaceri, \ non ho più bisogno di loro! \\ Cancellati gli amori \ e tutti i loro tremolii, \ cancellati per sempre.\ Riparto da zero. \\ No, niente di niente! \ No, non rimpiango niente! \ Né il bene che mi hai fatto \ né il male, tutto questo mi è indifferente. \\ No, niente di niente! \ Poiché oggi, la mia vita, le mie gioie \ tutto riparte con te. \\ No, niente di niente! \ No, non rimpiango niente! \ perché la mia vita, perché le mie gioie, \ oggi, le comincio con te

Annunci

3 thoughts on “Edith Piaf, “Non, je ne regrette rien” – sassi sonori a cura di Giorgio Chiantini

  1. grandissima artista e articolo che si confà meravigliosamente al suo essere tale.
    Buona domenica a te e a Giorgio.
    P.s. io amo particolarmente questo brano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...