Paul Eluard, Alla finestra – da Les dessous d’une vie ou la pyramide humaine (1926)

03-Juan-Gris-La-fenêtre-ouverte-1921

Paul Eluard (pseudonimo di Eugène Émile Paul Grindel, Saint-Denis, 1895 – Charenton-le-Pont, 1952), ALLA FINESTRA

Non sempre ho avuto questa sicurezza, questo pessimismo che rassicura i migliori fra noi. Vi fu un tempo in cui gli amici ridevano di me. Non ero padrone delle parole. Una certa indifferenza. Non ho sempre ben saputo che cosa volessi dire; ma era, quasi sempre, perché non avevo nulla da dire. La necessità di parlare e il desiderio di non essere inteso. E la vita appesa a un filo.

Ci fu un tempo in cui pareva non capissi nulla. Le mie catene ondulavano sull’acqua.

Tutti i desideri mi son nati dai sogni. E ho provato con parole il mio amore. Qual è dunque la creatura fantastica cui mi son confidato, in quale mondo doloroso e squisito m’ha imprigionato l’immaginazione? Son certo d’esser stato amato nel regno più misterioso, il mio. Il linguaggio del mio amore non fa parte dei linguaggi umani, questo corpo umano non sfiora la carne del mio amore. Ho sempre avuta una immaginazione amorosa tanto costante ed alta che nessuno può tentare di dimo­strarmi in errore.

.

da Les dessous d’une vie ou la pyramide humaine (1926) in Paul Eluard, Poesie (introduzione e traduzione di F.Fortini – Einaudi, 1966)

immagine: Juan Gris, La fenêtre ouverte, 1921

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...