da Chi ha fatto il turno di notte di Izet Sarajlić

le rose di sarajevo

“Chi ha fatto il turno di notte per impedire l’arresto del cuore del mondo? Noi, i poeti”  

[Cfr. E.De Luca e I.Sarajlić, Lettere fraterne, Dante & Descartes, Napoli 2007]

Nell’assedio più lungo del 1900, nella Sarajevo degli anni Novanta, i cittadini andavano alle serate di poesia nel buio di una città senza corrente elettrica. Sperimentavano che in una guerra solo i versi sono capaci di correggere a forza di sillabe miracolose il tempo sincopato dei singhiozzi, il ragtime delle granate, l’occhio di un mirino addosso. I versi portano la responsabilità della parola ammutolita. I poeti leggevano o dicevano a memoria il loro canto da una città assediata. […] I poeti facevano il turno di notte in Sarajevo per impedire l’arresto del cuore del mondo.

La biblioteca, manufatto magnifico dell’arte islamica in Europa, era in frantumi e in cenere. L’artiglieria degli assedianti centrava monumenti, cimiteri, moschee, per cancellare dal suolo ombra e radice della parte avversa. Le parole erano emigrate dai libri bombardati, giravano alla cieca le pagine invisibili, mentre dalle colline si accendevano le fiammelle degli spari dei cecchini. I poeti facevano il turno di notte.[…] (dalla Prefazione di Erri De Luca, Izet Sarajlić – Chi ha fatto il turno di notte, Einaudi)

*

Fosse almeno l’anno 1993

Fosse almeno quel terribile,
per l’umiliazione a nulla paragonabile
anno 1993
quando non avevamo nient’altro
che l’un l’altro.
.
Magari fosse ancora quel terribile,
quel tante volte maledetto anno 1993!
.
Avrei ancora cinque anni pieni
da poterti guardare
e da tenerti per mano!
.
(Luglio 1998)
*
Un’altra volta saprei
.
Troppo poco ho goduto delle piogge di primavera e dei tramonti
.
Troppo poco ho assaporato la bellezza delle vecchie canzoni e le passeggiate sotto il chiaro di luna.
.
Troppo poco mi sono inebriato del vino dell’amicizia
benché al mondo ci fosse sì e no un paese dove non avessi almeno un paio di amici.
.
Troppo poco tempo ho riservato per l’amore
a disposizione del quale stava tutto il mio tempo.
.
Un’altra volta saprei godere incomparabilmente più nella vita.
Un’altra volta saprei.
.
(1987)

tratte da Izet Sarajlić – Chi ha fatto il turno di notte (Einaudi, a cura di Silvio Ferrari)

*

04-sarailic-e-erri054.thumbnailIzet Sarajlić (Doboj, 16 marzo 1930 – Sarajevo, 2 maggio 2002 – qui in foto con Erri De Luca),   nato nella Bosnia settentrionale, da famiglia musulmana, si trasferisce nel 1945 a Sarajevo, dove consegue la laurea in lettere alla facoltà di filosofia. Fondatore nel 1954 del “Gruppo 54”, movimento d’innovazione poetica, è anche uno fra gli organizzatori delle “Giornate poetiche di Sarajevo” nel decennio successivo; è stato un rinomato e pluripremiato scrittore jugoslavo, conosciuto anche nei paesi dell’allora Patto di Varsavia e spesso invitato come personalità culturale nella stessa Mosca. Durante la guerra in Bosnia (successiva allo scioglimento della Jugoslavia) e l’assedio di Sarajevo, fu una delle pochissime personalità a voler rimanere nella città a cui era molto legato, che apprezzava principalmente per il carattere laico e multietnico. Subito dopo la fine degli eventi bellici perderà la moglie. Nel 1997 fu spinto verso Salerno per via dei legami di amicizia avuti con Alfonso Gatto . L’ultimo premio (il “Moravia”) lo riceverà in Italia nel 2001 per la raccolta “Qualcuno ha suonato”. Dal 2002 Casa della poesia organizza a suo nome un festival internazionali di poesia nella capitale bosniaca. (da Wikipedia)

*

– nell’immagine, Le rose di Sarajevo, nel centro della città, sono le tracce a forma di fiore lasciate sull’asfalto dalle granate e pitturate in rosso dopo il conflitto –

Annunci

One thought on “da Chi ha fatto il turno di notte di Izet Sarajlić

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...