Hieronymus Bosch, Trittico di santa Liberata – sassi di arte

Jheronimus-Bosch-Trittico-di-Santa-Liberata-dopo-il-restauro

Hieronymus Bosch, Trittico di santa Liberata (1500 – 1505)

olio su tavola, cm 104 x 119 – Venezia, Palazzo Ducale

*

La giovane martire elegantemente vestita e con la corona sul capo è stata identificata con Liberata, o santa Vilgefortis, la principessa vissuta in Portogallo nell’VIII secolo, figlia di un re pagano, il quale non accettando la conversione al cristianesimo della figlia, accecato dall’ira, la condannò alla crocefissione. Jheronimus-Bosch-Trittico-di-Santa-Liberata-dopo-il-restauroAi piedi della croce ora l’uomo giace svenuto tra la folla di curiosi, che addita il crudele martirio, fra coloro che si coprono gli occhi e si mettono le mani tra i capelli.

Nello sportello di sinistra è raffigurato sant’Antonio che osserva il grillo al suo fianco, una creatura mostruosa che rappresenta le tentazioni della carne. Sullo sfondo, una città nordica sta andando in fiamme. Nel pannello di destra, un monaco pellegrino, accompagnato da un soldato, indica il martirio. Il suo intento è quello di esortare lo spettatore ad abbandonare la vita violenta, rappresentata dalle scene che si svolgono alle sue spalle, per intraprendere un cammino virtuoso. Jheronimus-Bosch-Trittico-di-Santa-Liberata-dopo-il-restauro (1)Dietro di lui una nave, simbolo della chiesa, con un aculeo di scorpione al posto della vela e delle gigantesche chele di granchio, ha fatto affondare le altre imbarcazioni che sostavano nei pressi del porto.

*

Jeroen Anthoniszoon van Aken detto Hieronymus Bosch (Boscoducale 1450 circa – 1516) figlio e nipoti di pittori viene educato nella bottega di famiglia e svolge tutta la sua attività nella città natale, appartata rispetto ai maggiori centri artistici dei Paesi Bassi. Nonostante le poche notizie biografiche, sappiamo che l’artista mantiene stretti contatti con gli ambienti culturali e artistici del suo tempo. Molto presto l’artista comincia ad ispirarsi a forme iconografiche diverse, auliche o popolari, ma fin da subito si evidenzia la sua propensione verso elementi misteriosi e inquietanti; questi dati sono evidenti anche nelle opere della maturità come La nave dei folli (1490 – 1510 ca., Parigi, Musée du Louvre) o il Trittico del giardino delle delizie (1500 – 1505, Madrid, Museo Nacional del Prado). In queste opere Bosch raggiunge il vertice delle sue capacità espressive, utilizzando varie fonti figurative e letterarie; egli introduce nei suoi dipinti elementi simbolici ambigui, attraverso i quali attua una denuncia della follia del mondo che corre verso la rovina e la perdizione. Il mondo del pittore è popolato di visioni, di immagini simboliche e di mostruose metamorfosi.

[tratto da Bosch, Il giardino delle delizie – I capolavori dell’arte, Corriere della Sera]

Annunci

One thought on “Hieronymus Bosch, Trittico di santa Liberata – sassi di arte

  1. Jheronimus Bosch 500, il programma internazionale di celebrazioni che per tutto il 2016 ricorderà il grande artista olandese in occasione del 500° anniversario della sua morte, prende avvio a Venezia con la presentazione in anteprima del restauro di due dei tre polittici appartenenti alle collezioni delle Gallerie dell’Accademia: il Trittico di Santa Liberata e le quattro Visioni dell’Aldilà. La terza opera custodita a Venezia, il Trittico degli Eremiti, è attualmente in fase finale di restauro e sarà esposta all’Accademia a partire dalla seconda metà di maggio.L’inedito retro delle Visioni e il Trittico di Santa Liberata potranno essere ammirati all’interno del percorso museale delle Gallerie dell’Accademia dal 16 gennaio al 7 febbraio 2016; un evento unico arricchito dall’allestimento di una postazione multimediale che proporrà alcune fasi del restauro attraverso immagini e video. – See more at: http://www.artslife.com/2016/01/15/jheronimus-bosch-restaurato-alle-gallerie-dellaccademia-di-venezia/#sthash.qwEFHdNm.dpuf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...