Luce minima, inedito di Angela Greco

al buio

Luce minima

Brucia il tempo nel petto del giorno:
è trascorso anche l’ultimo sogno
e siamo ancora estranei.
Nemmeno la precarietà di ritrovarsi simili
ci ha avvicinati di una parola.

In tante altre occasioni siamo stati umani
(no, in questa no)
e oggi, che abbiamo preso le distanze da cielo e bocca,
non sappiamo più ritrovarci nemmeno in un bacio.

Dimmi: ha senso continuare il discorso?

Il risveglio ha ucciso le stelle e lo vedono tutti
ma è in presenza del buio che si diventa capaci
di vedere quella luce minima di sopravvivenza.

*

Angela Greco © all rights reserved

*

scritta per il concorso “Noi dietro il vetro in utopie” (marzo 2016) – un verso di Flavio Almerighi tratto da “Caleranno i vandali” (Samuele Editore) – organizzato da Alessandro Canzian  

al link che segue, il pdf scaricabile gratuitamente con l’intera antologia del concorso:

http://www.samueleeditore.it/Download/noidietroilvetroinutopie.pdf

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...