La metafora di Itaca, inedito di Angela Greco

tumblr_n18taxWpyh1qbmgeto3_1280

“Caro Odisseo (meglio sarebbe il plurale, Odissei),
la voce di padre fa nobile l’uomo che parla e che ascolta,
ma il poeta d’Alessandria bene ha introdotto: “Se…”¹
ammettendo prima d’ogni guerra e d’ogni luogo
la volontà di realizzare il viaggio e la terra.

La guerra – nessuna guerra – non ha nulla di salvifico
e l’inizio si veste d’oblio per celebrarne l’inutilità.
Non ricordare salva.
E’ il viaggio, il perdersi tra i mostri dell’aperto mare,
a riconsegnare Itaca, nell’imprecisione della razionalità.

Telemaco non ha aggiunto fiato alle urgenze del padre,
ma la sua età gli ha insegnato il ritorno
e di guerre, lui, giovane, ne ha conoscenza
pari ai re chiamati per la maggior causa.

La lotta, lo scettro e le mura appartengono ai padri.
Itaca è Telemaco a cui ritornare.”

.

*
La metafora di Itaca
Angela Greco © all rights reserved
22 marzo ’16.

.

( ¹ ) “Se Itaca è la mèta del tuo viaggio” C.Kavafis, Itaca (trad.Guido Ceronetti per l’edizione edita da Adelphi, “Un’ombra fuggitiva di piacere”) — immagine dal web — versi scritti “in risposta” alle versioni di “Odisseo a Telemaco” lette qui.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...