Carmen Yáñez, tre poesie da Paesaggio di luna fredda

Carmen Yáñez, tre poesie da Paesaggio di luna fredda

.

DUE

Siamo due universi.
Dividiamo la mensa
il rituale del silenzio
le vie dell’orgasmo
la velocità della luce.
.
Straniera della tua anima
divulgo penisole e abbracci.
Coabito le tue frontiere.
Mordo senza cessare
fino a trovare
i sentieri incerti.
.

.

I FIGLI DEI DESAPARECIDOS

Due donne vestite di ricordi
davanti a una donna immolata che fugge
nel seppia verso il labirinto della sua morte.
Intrappolata nel colore dei silenzi
in questo viaggio di carta
e di invocazione.
.

.

GÖTAPLATSEN

Un vagabondo
snoda miserie interiori
con i suoi gesti di brina
di fronte alla nudità indolente
di Poseidone.
.
Solitudini che fanno male.
.
Architetture d’inverno.

.

*

da Carmen Yáñez, Paesaggio di luna fredda (trad. di Roberta Bovaia, Guanda, 2005)

*

yanez7-jpg-img-dettaglioCarmen Yáñez, nata nel 1952 a Santiago del Cile, in seno a una famiglia operaia, nel 1975 scompare nelle mani della polizia politica di Pinochet. Incredibilmente scampata all’inferno di Villa Grimaldi (la casa segreta della polizia politica), rimane in clandestinità finché nel 1981, via Argentina e sotto la protezione dell’ONU, si rifugia in esilio in Svezia. In Svezia Carmen Yáñez inizia a pubblicare la sua poesia. Nel 1982 esce la raccolta “Cantos del camino” e, negli anni successivi, le sue poesie appariranno su riviste svedesi (Signor, Ada, Invandraren) e tedesche (Viento sur). Pubblica i trittici “Al aire” (1989) e “Remanso” (1992). Durante la sua permanenza in Svezia, partecipa alla creazione di vari laboratori letterari. Dapprima il laboratorio Losche (1986-88) e in seguito “Transpoetas” e “Madrigal”, ai quali è tuttora legata. Dal 1990 la sua poesia comincia a essere pubblicata anche in Cile. Nel 1997 si trasferisce in Spagna, insieme a suo marito lo scrittore Luis Sepúlveda, e stabilisce la sua residenza nelle Asturie, in quella che lei stessa definisce una ricerca delle proprie radici.
Ha pubblicato in Italia tre volumi, editi da Guanda: “Paesaggio di luna fredda”, “Abitata dalla memoria”, “Terra di mele”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...