Cecília Meireles, due poesie da Misura del significato e altre poesie

tumblr_n18taxWpyh1qbmgeto3_1280

Cecília Meireles, due poesie da Misura del significato e altre poesie

COMMISSIONE

Desidero una fotografia
come questa – vede? – come questa:
in cui per sempre ridevo
con un vestito di eterna festa.
.
Siccome ho la fronte scura,
diffonda luce sulla mia fronte.
Lasci questa ruga, che mi dà
una qualche aria di saggezza.
.
Non metta sfondi di foresta
né di arbitraria fantasia…
No…In questa spazio che ancora resta,
ponga una sedia vuota.
.

*

OGGI DISIMPARO QUEL CHE AVEVO IMPARATO FINO A IERI

Oggi disimparo quel che avevo imparato fino a ieri
e che domani ricomincerò ad imparare.
Tutti i giorni mi indebolisco e mi disfo in cenere effimera:
tutti i giorni ricostruisco le mie edificazioni, in sogno eterne.
.
Questa fragile scuola che siamo, la sollevo con pazienza
dalle fondamenta alle torri, sapendo che è un lavoro senza fine.
.
E dall’alto avvisto quelli che riposano e assaltano, signori di riso e pietre.
Ognuno di noi ha la sua verità, per la quale deve morire.
.
Da un luogo che non si raggiunge, e che è, intanto, chiaro,
la mia verità, senza scambio, senza equivalenza né disinganno
.
permane costante, obbligatoria, libera:
mentre imparo, disimparo e torno a reimparare.
.
(1961)
.
.

*

da Cecília Meireles, Misura del significato e altre poesie – a cura di Simonetta Masin, Editrice Petite Plaisance, 2010 — in apertura: illustrazione di Gabriel Pacheco

.

cecilia-meirelesCecília Meireles de Carvalho Benevides (Rio de Janeiro, 7 novembre 1901 – Rio de Janeiro, 9 novembre 1964) è poetessa, narratrice, professoressa universitaria, esperta di pedagogia, giornalista. Trascorre una infelice infanzia segnata dalla morte di tre fratelli prima della sua nascita, del padre, morto tre mesi prima che lei venisse alla luce e della madre, morta tre anni dopo la sua venuta al mondo. Verrà cresciuta dalla nonna materna, portoghese originaria delle Azzorre. Nel 1922 aderisce alle proposte del Movimento Modernista Brasiliano e partecipa al gruppo della rivista Festa; collabora con diversi quotidiani, in particolare con Diário de Notícias (1930-1933) con una pagina giornaliera su tematiche legate all’educazione. Nel 1932 firma il Manifesto dos Pioneiros da Educação Nova, che segna l’inizio del rinnovamento dell’educazione in Brasile. Nel 1934 è incaricata dalla Secretaria de Educação da Prefeitura do Distrito Federal a dirigere un Centro Infantile, dove crea la prima biblioteca infantile di Rio de Janeiro con lo scopo di offrire varie attività educative e ricreative. Fu insignita di numerosi riconoscimenti tra i quali si evidenziano: nel 1938 il Premio olavo Bilac dell’Accademia Brasileira de letras per il libro di poesie Viagem, pubblicato l’anno seguente; Premio Machado de Asiis assegnatole per la sua opera dall’Accademia Brasileira de Letras.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...