Francesco Hayez, Il bacio – sassi d’arte

481PX-~1

Il bacio – Francesco Hayez

1859, olio su tela, cm 112x 88 – Pinacoteca di Brera, Milano

*

Motivo principale del successo di questo dipinto di Francesco Hayez (Venezia, 1791 – Milano, 1882), per cui ancora oggi continua ad esercitare su chi lo guarda una forte attrazione, è certamente l’immediata adesione ad un tema così facile e al contempo così seducente […]. Ma non fu solo questo il motivo per cui quest’opera riscosse un così grande favore. Fu, in realtà, un più nascosto significato patriottico legato ai colori e all’aggiunta di un particolare nella versione che il pittore decise di tenere per sé e di inviare a Parigi all’Esposizione universale del 1867, nella quale appaiono – rispetto alla versione di Brera – più evidenti il verde del risvolto interno del mantello e, soprattutto, un panno bianco, forse il velo della donna, abbandonato sui gradini, che insieme con il rosso dell’abbigliamento sempre dell’uomo, furono un esplicito rimando al vessillo dell’appena edificata Unità d’Italia.

4_grande

Ma di più elevata bellezza – almeno per la maggior parte degli animi – è il significato diretto del dipinto: la rappresentazione del momento più intenso e carico di poesia dell’incontro tra due persone che si amano, che riesce a rendere in maniera così immediata e convincente tutto il fascino e il mistero di quell’attimo. Infatti, le due figure si stringono una all’altra e si baciano in un’atteggiamento così naturale e moderno, nel loro coinvolgente trasporto e nell’intensa sensualità, che lo stesso gesto del bacio viene spesso associato al dipinto di Hayez anche da coloro che non ne conoscono la storia o non ne ricordano il  nome del pittore.

In una sensualità travolgente, Hayez volle così rappresentare le due figure estremamente ravvicinate, strette in un abbraccio davvero struggente, da amanti perduti, con i volti tenuti nascosti, anticipando l’audacia di certi tagli cinematografici, in modo da concentrare tutta l’attesa e l’attenzione sull’incontro profondo tra le loro labbra, consegnando all’immortalità l’atto più intimo e sincero di un amore.

(tratto ed adattato da: Francesco Hayez – Il bacio, Fernando Mazzocca, SilvanaEditoriale, 2009) 

Annunci

2 thoughts on “Francesco Hayez, Il bacio – sassi d’arte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...