Fabio Vicari legge Naufragi di Giuseppe Schembari

Giuseppe Capogrossi - Superficie 56

Il sasso nello stagno di AnGre propone ai suoi lettori le prime pagine dell’attenta lettura di Naufragi di Giuseppe Schembari, a cura di Fabio Vicari, docente trapiantato al Nord per lavoro, ma nato a Perugia (dove ha vissuto i primissimi mesi di vita) da  genitori siciliani e, come si apprende dalle sue stesse parole, “siciliano a tutti gli effetti, fuorché anagraficamente”: un pregevole contributo scritto con perizia e passione che, con stima, illustra l’ultima silloge edita del poeta ibleo (sull’argomento leggi anche qui e qui) . Buona lettura!

∼∼∼


Leggendo “NAUFRAGI” di Giuseppe Schembari (Sicilia Punto L, 2015)

 ANDATA E RITORNO SENZA SCONTI – Appunti di viaggio di Fabio Vicari

NOTE PER IL LETTORE: Nei riferimenti di questo testo ho usato: ASZ = Al di sotto dello zero, Sicilia Punto L, 1989, primo testo edito dell’autore, che qui mi è tornato utile riprendere; mentre i versi senza sigla si riferiscono all’ultima raccolta Naufragi (Sicilia Punto L, 2015). Ho attribuito a queste mie flessioni dei titoletti; lascio, poi, ad ognuno il piacere di leggere, rileggere e approfondire dai testi per trovare nuovi spunti e sollecitazioni. Per accostarsi a questa silloge forse valgono nella sostanza, più che tante parole, il titolo dato dal poeta, Naufragi, ed il titolo di questi stessi miei appunti, Andata e ritorno senza sconti. Auguro che questa disamina desti curiosità e voglia di avere materialmente il libro tra le mani e rechi un emozionante ricordo a quanti ne hanno già apprezzato i versi. (Fabio Vicari)
  • QUESTIONE DI SCELTE

Giuseppe Schembari ci invita a compiere un viaggio in salita che parte dall’Abisso e, attraverso i naufragi, sensibilmente impressi nel reale, ci conduce nel suo personale quadro esistenziale, dove si alternano luci e ombre, tepore e gelo della contemporaneità soffocante in cui “Non c’è bisogno di guide / per rifugi vicini” (da “Un rebus” pag. 27).

Perché l’autore ha scelto, nel vasto mare della sua variegata produzione, proprio queste poesie per comporre la sua ultima silloge? Rispondere farà capire il senso del suo naufragare, quello del suo approdo e, più in generale, i modi e i contenuti del suo comunicare.

Leggiamo Bisogna fingere:Forse / questo è il momento / d’indossare gli abiti del ruolo / murati i vestiboli dell’apparenza”. I poeti dell’apparenza, i falsi sensibili, quelli dell’inganno, della prosopopea, dello sfruttamento, “della viscida devozione”, incarnazioni ossimoriche dell’assurdo, vorrebbero vederlo “svendere in parole”, ma egli questo non lo farà mai. Ce lo dice attraverso le parole del “vecchio amico poeta /… / la dignità e la fierezza / ormai sono banalità in disuso / … / ma tu / non cambiare mai / la poesia / per forza di cose / ci salverà.”

Raggiunto l’approdo, tornato dal viaggio, fa il punto del suo peregrinare dentro e fuori di sé e, spalancandoci le porte, ci fa gioire e soffrire insieme a lui. Avanti, entrate! Così è scritto sulla sua porta: “Aspetto chi viene / con la trepidazione di chi parte, / un lento rincorrersi un calmo tornare” (Nulla è fuori posto, pag. 41). Se entreremo indossando l’abito della sensibilità saremo a rischio, prima o poi ci imbatteremo nella sua gioia, ma anche nel suo dolore e ne usciremo vestiti di una nuova emozione.

L’autore, con molta onestà, non si presenta come colui che prescrive ricette infallibili ed eterne, ma come un viaggiatore che si pone discretamente al nostro fianco per esplorare terre quasi sempre oscure e con l’insistenza del buio ci svela la bellezza, la semplicità e l’apparente inafferrabilità della luce.

La maturità, la consapevolezza di questa più recente raccolta sta nel nuovo viaggio intrapreso dal poeta, nell’aver trovato la voglia di raccontare con chiarezza (a partire dal titolo “Naufragi”) alcune tappe del suo viaggio, senza lasciare che esse prevalessero sull’esperienza sociale.

La parola non racchiude la voce solipsistica, anche nelle immagini più buie e silenziose c’è sempre la volontà di dialogo con il resto del mondo. Il silenzio è, infatti, un elemento importante del dialogo e testimonia la capacità e l’atteggiamento di ascolto, quello che gli fa sentire, di volta in volta, il male e la bellezza che lo circondano. Con la sua poesia testimonia contemporaneamente il male del mondo e il suo sentimento di dolore e d’impotenza di fronte ad esso, ma ciò nonostante egli non vi sottrae, non potrebbe a meno di sentirsi inadeguato e inconcludente.

La maggior ricchezza della parola talvolta è presente proprio là dove il contenuto riguarda la povertà di bellezza, quasi a mettere in evidenza, con il contrasto tra forma e contenuto, il sentire doloroso, l’universale / malessere (L’inganno, pag. 35, ASZ). Ecco soltanto qualche esempio: balbettio, pugnace, guado (Abisso); deturpava (Ancora); vestiboli (Bisogna fingere); effige, maliarda, ineluttabile (Dimenticanza); residuale, iconoclasta, sciaborda (Era già previsto); simposio, staglia (Indugiano ancora).

  • L’OSCURITÀ, LE OMBRE E IL CHIARORE, IL FUOCO.

C’è un continuo alternarsi di sentimenti e situazioni, d’intense e interne migrazioni di stati d’animo che mettono in evidenza il dolore di vivere e la delusione correlati a immagini notturne, buie e altri che esortano la ripresa e il riscatto, legati a simboli di luce e di fuoco.

Il paesaggio è spesso buio, notturno, desolato, duro, freddo, gelido; gli uomini e le cose sembrano unirsi a esso nella comune sorte dell’invisibilità (soltanto qualche esempio, i riferimenti sono tantissimi e all’ultimo momento ho deciso di non inserirli tutti): “In una notte come questa / la città si scolora / … / Nel simposio dei disperati / l’ombra staglia / gli esili contorni / dei corpi tumefatti” (Indugiano ancora, pag. 17); “ Il buio che pioveva dalla notte, fagocitava la luna inossidabile(La stazione, pag. 19).

La luce, le immagini più nitide, il calore fiammeggiante e la consapevolezza del ritorno, nello specchiarsi con lucidità, prevalgono nella seconda parte del libro e talvolta la luce fa da contrappeso al buio interiore

  • IL SOGNO

Giuseppe Schembari non è rassegnato, ma deluso da “questa umanità in decadenza” (Era già previsto, pag. 16), “forse sognare non basta” (La stirpe dell’esilio, pag. 54) e, mentre un tempo diceva “la nostra arma è il futuro” dando addirittura questo titolo a una poesia (La nostra arma è il futuro, ASZ, pag.43), oggi dice “la vita è una continua sottrazione / è il futuro che manca” (Si dimentica, pag. 60).

  • IL CORPO

Qui ritroviamo il tema dei corpi uniti nella disgrazia, già presente in ASZ, “Se ne stanno ammassati / in un’unica stanza / bimbi rincoglioniti / sotto la minaccia del bastone” (Quando i bimbi, pag. 13): “Accalcati uno sull’altro / a rubarsi il fiato in gola” (In fuga, pag. 49). Situazioni diverse, certo, ma pur sempre corpi trattati senza umanità e uniti da una fine dolorosa.

Il corpo molle e abbietto dei potenti, invece, occupa comodamente irremovibili poltrone: e i soliti culi grassi e fistolosi / occupano le poltrone di sempre” (Si dimentica, pag. 60); “L’uomo dal sorriso d’avorio / sprofondato / sulla sua comoda poltrona / di pelle umana” (I venditori di sogni, pag. 38, ASZ).

La falsità degli uomini senza scrupoli, incoscientemente delegati a farci del male, si rivela appena aprono la bocca: “La falsa lucentezza / dei loro denti / … / L’uomo dal sorriso d’avorio” (I venditori di sogni, ADZ 38); “il ghigno minaccioso / del vostro viso” (Al di sotto dello zero, ADZ, pag. 44); “Soffocati da quell’atmosfera / di perbenismo scadente / abbiamo spezzato le catene / delle vane promesse / e dei falsi sorrisi d’avorio” (Un’ombra, pag. 61).

La memoria del corpo non l’abbandona mai e le immagini corrispondenti vivono in un’atmosfera cupa e indelebile come un “lugubre tatuaggio / inciso sulla pelle” (in Abisso) e “Ancora / porto i segni / sulle braccia” (in Ancora, pag. 12).

L’intero intervento è disponibile in pdf, gratuitamente scaricabile, al seguente link:

 Fabio Vicari legge “Naufragi”di Giuseppe Schembari (clicca qui) 

(immagini: in apertura, opera di Giuseppe Capogrossi, Superficie 56; in chiusura, copertina del libro)

Giuseppe Schembari - Naufragi - Sicilia Punto L Edizioni

Annunci

6 thoughts on “Fabio Vicari legge Naufragi di Giuseppe Schembari

  1. Nonostante l’infausto giorno che ha visto crollare la Basilica di San Benedetto in Norcia e questo evento sismico che sta sconvolgendo il nostro Paese ormai da mesi, voglio ringraziare Fabio Vicari per questo pregevolissimo lavoro sulla poesia di Giuseppe Schembari.
    In questo articolo odierno leggiamo di due amici, miei amici, che vedono la poesia come mezzo di ribellione e di lotta sociale contro le iniquità ai danni della Persona e non mi sembra cosa da poco.
    Grazie di cuore per ogni vostra parola.
    (Fabio non me ne vorrà, se in questo commento mi sto riferendo a lui e a Peppe con un plurale colmo di stima).

    AnGre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...