Quattro sassi con…autori contemporanei in 4 poesie: Roberto Bertoldo

Quattro sassi con - Il sasso nello stagno di AnGre

Quattro sassi con…autori contemporanei in 4 poesie: Roberto Bertoldo

.
Sera a Sarajevo (da Il calvario delle gru)
.
E a volte le sere hanno questo spettro di silenzi,
a festone di beccafichi, sulle canape, a nastro.
E qualche farfalla, rara, e le rondini, a macchie,
sui fili. Ad ascoltare tenui affetti,
come un funerale che ascolta i morti,
a grappolo, il loro canto ebbro tra le cicale
e i caprimulgi. A volte le sere stanano
ingiurie, non altro che ingiurie, di morti,
la gruma del vino, l’ultima melodia. Di questo
è il vento che tace.
.
.
.
La comunione (da L’archivio delle bestemmie)
.
Rendimi le tue labbra che il mio bacio
ha voluto districare dalle nubi,
inventa un altro proposito per le tue campagne,
l’amore è quel cirro che la vetta del pino
ingoia come un’ostia.
Sorprendi la tua rendita
con la veste di donna che neghi
e rincuora questo mio cervello affranto
che dileggia l’anima.
Noi viviamo d’ansia e di giustizia affascinata
in queste camicie di forza
che spezzerò come il corpo di cristo,
io ribelle che ho la ventura
con la mia bocca pazza e bastarda
di consegnarti l’eucarestia.
.
.
.
Butterete ostie… (da Pergamena dei ribelli)
.
Butterete ostie sui carri allegorici
e le mani dei vecchi si perderanno
dove il buio è fugace, rosa nera,
in camice di nuvole, falsate dal vento.
Il polline della vergogna si posa
sulle pietre e i quadrifogli,
la luna, stipata, cancella la corteccia
degli amori infilzati dalle parole.
Voglio portare altri felici al regno del mondo,
gesù cristo era un bambino down
e sorprendeva i raggi del sole
con il suo sorriso d’ocra.
Disprezzerete anche questa pergamena
che snocciolo con la protervia
delle mie mani piantate sui muri
con contorni di sangue sanscrita.
.
.
.
Dove c’è la palude (da Il popolo che sono)
.
Quest’oggi parlerò ai torcicolli che invadono la palude
dov’è immerso il nostro ontano nodoso
in queste ragadi di fango che mi declina
con tutte le lacrime che ricamano l’invaso
intanto la strada è finita
non c’è rimborso
assumo l’aria solita di circostanza
in fondo non è niente
e domani gli uomini si alzeranno presto
prenderanno le loro armi di sudditanza
e andranno a votare mentre il sole spargerà
la sua malattia cronica
nelle cabine si compirà lo spergiuro
basta una matita a spezzare la volontà degli uomini
ma io non ho tempo per questa politica
ho amato senza averne la misura
e, in ginocchio, davanti a te che balbettavi
ho giurato il futuro.
.

*

i-sensi-della-poesia-la-scritturaRoberto Bertoldo ha scritto libri di poesia, di filosofia e di narrativa. Tra le sue pubblicazioni, i romanzi Il Lucifero di Wittenberg – Anschluss, Asefi, Milano 1998; Anche gli ebrei sono cattivi, Marsilio, Venezia 2002; Ladyboy, Mimesis, Milano 2009; L’infame. Storia segreta del caso Calas, La Vita Felice edizioni, Milano 2010; Satio. La vera leggenda della fine del mondo, Achille e la tartaruga edizioni, Torino 2015; i saggi Nullismo e letteratura, Interlinea, Novara 1998 (2° ed. accr. Mimesis, Milano 2011), Principi di fenomenognomica, Guerini, Milano 2003, Sui fondamenti dell’amore, Guerini, Milano 2006, Anarchismo senza anarchia, Mimesis, Milano 2009, Chimica dell’insurrezione, Mimesis, Milano 2011, Istinto e logica della mente. Una prospettiva oltre la fenomenologia, Mimesis, Milano 2013, La profondità della letteratura. Saggio di estetica sociologica, Mimesis, Milano 2013; le poesie Il calvario delle gru, Bordighera press, New York 2000, L’archivio delle bestemmie, Mimesis, Milano 2006, Pergamena dei ribelli, Joker, Novi ligure 2011; Il popolo che sono, Mimesis, Milano 2015.

Annunci

4 thoughts on “Quattro sassi con…autori contemporanei in 4 poesie: Roberto Bertoldo

  1. Un grazie speciale a Roberto Bertoldo, per aver accolto l’invito a partecipare a questa mia personalissima “antologia” qual è la rubrica “Quattro sassi con…”, inviando quattro testi tratti da quattro delle sue opere in versi, così da avere un panorama ampio della sua poesia.
    Qui sul mio tavolo mi affiancano “Pergamena dei ribelli” e “Il popolo che sono” oltre ad un saggio sulla politica; leggo quasi ogni giorno una poesia, senza seguire l’ordine tipografico, e devo ammettere che ogni volta ripongo il libro con una nuova visione di quello che mi circonda… La poesia di Roberto, almeno su di me, ha l’effetto di un risveglio e di immissione di nuova legna al rogo della ribellione… Insomma, non si rimane indifferenti dinnanzi al suo tono e alla rivoluzione dei suoi versi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...