Théophile Gautier, Lo spettro della rosa

crw_0058_rosa_bianco_nero_v

Lo spettro della rosa
di Théophile Gautier
.
Solleva la tua palpebra socchiusa
che un sogno virginale accarezza,
io sono lo spettro di una rosa
che ieri hai portato alla danza.
Ancora imperlata mi hai colta
dal pianto dell’argentea rugiada,
e fra i lumi della sala in festa,
tutta la sera con te mi hai portata.
.
O tu, che della mia morte sei causa,
senza che tu lo possa scacciare,
ogni notte il mio spettro rosa
al tuo capezzale si recherà a danzare;
ma non temere, lui non reclama
un De Profundis o una messa solenne;
è, la mia anima, un leggero aroma
e dal paradiso esso discende.
.
Il mio destino fu da invidiare,
per aver avuto sì bella morte,
più d’uno vorrebbe la vita donare,
per avere il tuo seno, come tomba, in sorte.
E sull’alabastro dove trovo riposo
con un bacio, un poeta, ha voluto vergare:
“Qui giace lo spettro di una rosa
Che tutti i re fa ingelosire.”
.
.
          Le Spectre de la Rose
.
Soulêve ta paupière close
Qu’effleure un songe virginal;
Je suis le spectre d’une rose
Que tu portais hier au bal.
Tu me pris encore emperlée
Des pleurs d’argent de l’arrosoir,
Et, parmi la fête étoilée,
Tu me promenas tout le soir.
.
Ô toi qui de ma mort fus cause,
Sans que tu puisses le chasser,
Toute la nuit mon spectre rose
À ton chevet viendra danser.
Mais ne crains rien, je ne réclame
Ni messe ni De Profundis;
Ce léger parfum est mon äme,
Et j’arrive du du paradis.
.
Mon destin fut digne d’envie,
Pour avoir un trépas si beau,
Plus d’un aurait donné sa vie,
Car j’ai ta gorge pour tombeau,
Et sur l’albâtre où je repose
Un poëte avec un baiser
Écrivit: “Ci-gît une rose
Que tous les rois vont jalouser.”
.
.

Théophile Gautier – scrittore francese (Tarbes 1811-Neuilly-sur-Seine 1872). Si dedicò inizialmente alla pittura, ma ben presto scoprì la sua vocazione letteraria aderendo al movimento romantico, della cui opposizione al gusto e alle regole classiche divenne il simbolo durante la turbolenta battaglia teatrale per imporre l’Ernani, dramma di Hugo. Qualche anno dopo avrebbe narrato con ironia quel disordinato fervore di rinnovamento nel romanzo Les Jeunes-France (1833). Intanto aveva pubblicato sotto il segno della nuova scuola Poésies (1830), cui nell’edizione del 1832 aggiunse Albertus ou l’âme et le péché, poemetto che sacrifica alla moda del byronismo e dell’esoterismo, poi superati nella celebre prefazione di Mademoiselle de Maupin (1836), dove la maturità artistica di Gautier si condensa in quell’affermazione del principio dell’arte per l’arte, cioè dell’arte libera da preoccupazioni morali o utilitaristiche, che prese poi forma in romanzi come Le capitaine Fracasse (1863), avventure di una compagnia di comici, ispirato al “Roman comique” di Scarron, e soprattutto nelle poesie di Émaux et Camées (1852), il suo capolavoro.

giselle1

Contemporaneamente iniziava quell’incessante attività giornalistica per La Presse, Le Moniteur, La France littéraire, ecc. cui dedicò gran parte della sua vita e del suo talento scrivendo articoli d’arte, di teatro e di letteratura ed esercitando una formidabile influenza sulla storia del balletto francese, allora all’apice della propria stagione romantica. Grande ammiratore della ballerina milanese Carlotta Grisi, scrisse per lei – con Vernoy de Saint-Georges – il libretto del balletto “Giselle”, considerato universalmente l’epitome e il capolavoro del romanticismo coreografico francese. I suoi articoli furono poi raccolti in vari volumi: Les Beaux-Arts en Europe (1855-56), Histoire de l’art dramatique en France depuis vingt-cinq ans (1858-59), Histoire du Romantisme (1874), Guide d’amateur au Musée du Louvre, cui si aggiungono i curiosi profili dei Grotesques (1844), riscoperta dei poeti del sec. XVI rifiutati da Boileau. Pure in volume, anche se molto più tardi, furono raccolti, da Cyril W. Beaumont, i suoi articoli sul balletto, pubblicati a Londra con il titolo The Romantic Ballet Seen by Théophile Gautier (1932). Anche dei suoi viaggi (Italia, Grecia, Russia) raccolse le relazioni e soprattutto in quelle dedicate alla Spagna (Tras los Montes, 1840, e Voyage en Espagne, 1848) raggiunse ottimi effetti pittorici. Scrisse ancora racconti e romanzi, dove il genere fantasioso, esotico di Fortunio (1837) riappare in Une nuit de Cléopatre (1845), Le Roi Candaule (1847), Le Roman de la Momie (1858), indicativi della duplice matrice artistica di Gautier, che unisce al sentimento romantico un’esigenza realistica per il vigore con cui inserisce nell’opera il mondo esterno con le forme e i colori cari alla formazione pittorica dell’autore. A lui guardò la nuova scuola parnassiana e realista, rappresentata da Bainville, Flaubert e Baudelaire, che gli dedicò le “Fleurs du Mal”. La traiettoria artistica di Gautier è l’esemplificazione stessa dell’evoluzione letteraria di mezzo secolo in Francia.

– immagini: dal sito rgbphotos.info (rosa in bianco e e nero); “Giselle”, Balletto Accademico di Stato di San Pietroburgo ; dal web –
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...