Luciano Nanni legge Anamòrfosi di Angela Greco

Nel ringraziare il sito literary.it e la sua redazione al completo, segnalo questa nota critica di Luciano Nanni al mio Anamòrfosi, ed. Progetto Cultura Roma, 2017. Buona lettura.

http://www.literary.it/dati/literary/nanni2/anamorfosi.html

*

Poesia. Non si incontrano di frequente opere il cui livello qualitativo coincide fra i testi e la prefazione e soprattutto in grado di stimolare riflessioni. Secondo noi il silenzio non è un limite, la parola può andare oltre, e il reale incide a volte in misura minore di quel che si pensi, pur ammettendo che qualsiasi aspetto, filosofico o materico, è reale, ma il linguaggio lo traduce in uno specchio anamorfico.

Chi si è lasciato irretire da certe sirene (nella seconda metà del novecento sembrano essere Montale e Pasolini) era forse inconsapevole di accettare determinate regole. Se poi un poeta volesse esibirsi ha scelto la via più difficile, poiché in diversi casi il far poesia contiene un’implicita idea di superiorità. Ciascun ente o identità però dovrà vedersela con la propria ottica e voler significare a ogni costo potrebbe farci perdere il senso psicologico più profondo. Angela Greco tende a ‘rappresentare’ – come dimostrano i versi estesi o macroversi – per arrivare alle soglie della narrazione: il raffigurare oggetti per dar loro verbalmente una consistenza deve tener conto di ciò che sfugge e anche la natura fa parte del quadro.

Emblematica la frase “La musica non mi ha mai convinto fino in fondo” (p. 35): farsi convincere infatti costituisce spesso un pericolo, che l’autrice riesce a eludere. Non poteva mancare, ma non è peccato, il mito quale esorcismo della caducità: una interpretazione critica già cambia nel momento stesso in cui avviene. L’Epilogo ci avvisa di percezioni ‘formali’ nel tentativo di una linea oppositiva alle superfici piatte per individuare un quid che per nostra fortuna non si rivela mai completamente.

Recensione a cura di Luciano Nanni – Pubblicata su  Literary nr. 4/2017

qui il libro 

*

«La musica non mi ha mai convinto fino in fondo
basta cambiare una nota e ha tradito l’armonia»
(il tono basso della voce maschile indica l’arrivo dell’inverno)
«Eppure prendiamo forma ascoltando un battito.
Il primo che dimentichiamo» (lei lo sa).
 .
 .
Volano neri in un cielo erroneamente primaverile, gli storni:
grandi macchie multiforme di uccelli
guidati dall’istinto
vanno altrove all’approssimarsi del pericolo
– oramai impossibile assomigliare loro come uomini –
 .
«Qual è la civiltà, maestro?»
«Quella che stiamo perdendo».
 .
Il prato scorre sotto i loro pensieri in direzione opposta al cielo.
.
.
(pag.35)
.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...