Come puoi dirti poeta o essere umano, se taci?

A seguito delle dichiarazioni del sig. Matteo Salvini (su questo blog si riportano solo titoli di libri n.d.r.) e della scellerata scelta di “chiudere” i porti italiani e di impedire in tal modo l’attracco della nave Aquarius (che ricordiamo essere una nave da ricerca e soccorso della organizzazione non governativa internazionale italo-franco-tedesca SOS Méditerranée, precedentemente appartenuta alla Guardia costiera tedesca) con a bordo 600 migranti, tra cui 120 minori e 7 donne in stato di gravidanza, questo blog ha urgenza di chiarire che NON FA PARTE DELL’ITALIA DI CUI SI E’ FATTO PORTAVOCE tale SALVINI. 

Io personalmente sono nata in provincia di Taranto – che è pronta ad accogliere ogni vita in pericolo, come si legge nel sottostante link –  fondata a suo tempo da “immigrati” spartani e, come persona e come scrittore di versi e come madre, NON CONDIVIDO LE SCELTE DISUMANE di un signore che parla soprattutto per se stesso, non accogliendo ancora una volta la volontà del Paese, i cui Sindaci, da Napoli a Palermo, si sono dichiarati pronti ad accogliere quelle Persone, ribadisco PERSONE, che non è umanamente ammissibile lasciare nel Mediterraneo solo per un braccio di ferro con altri Stati, che andrebbe risolto solo dopo aver tratto in salvo chi sta chiedendo aiuto.

Il residuo di umanità, la conoscenza dei corsi e risorsi storici e la sbandierata sensibilità, che dovrebbe ancora esistere nei miei “””colleghi””” scrittori e poeti, dovrebbe farci urlare all’unisono di RESTARE UMANI prima di ogni qualsivoglia idea politica e \ o intolleranza sopraggiunta e fomentata da piccoli uomini ormai incapaci di gestire il proprio odio verso altri da sé. Invece, senza sorpresa, stamattina ascolto un comodo silenzio da parte di tanti, di troppi. E’ inutile scrivere poesie, se non si tiene più conto dell’Essere Umano.

Angela Greco AnGre

*

http://bari.repubblica.it/cronaca/2018/06/11/news/_taranto_pronta_ad_accogliere_aquarius_il_sindaco_melucci_apre_all_rrivo_dei_600_migranti-198687845/

“Il porto di Taranto è pronto ad abbracciare ogni vita in pericolo, senza se e senza ma”, dice l’amministritore di centrosinistra che replica l’iniziativa già assunta da De Magistris

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/10/aquarius-da-napoli-palermo-sindaci-contro-salvini-nostri-porti-sono-aperti-e-senza-cuore-e-viola-le-norme/4417316/

“E’ un Sud che resta umano e non ci sta. Si disegna una nuova resistenza del mezzogiorno.” 

https://www.identitainsorgenti.com/il-sud-che-resta-umano-i-sindaci-di-napoli-palermo-reggio-calabria-messina-taranto-si-ribellano-a-salvini-i-nostri-porti-restano-aperti/

.

p.s. a chi mi ha scritto che queste sono idee “di sinistra” vorrei ricordare che alcune cose non hanno e non devono avere bandiere politiche. 

*

foto di apertura: Leuca, Faro di Punta Palascia
“Come puoi dirti poeta” è un verso mutuato da Flavio Almerighi

5 pensieri su “Come puoi dirti poeta o essere umano, se taci?

  1. un qualsiasi ministro dell’interno NON può in alcun modo modificare l’identità del popolo italiano, da sempre accogliente ed umano (almeno fino all’avvento di quest’altra destra al potere). IO NON SONO L’ITALIA DI SALVINI. NÉ MO NÉ MAI. #restiamoumani e ricordiamo cosa è stata la destra nel nostro Paese. Gli immigrati sono il capro espiatorio, perché il popolo si distragga da problemi ben più grossi. Non facciamoci disumanizzare da questi tempi.

  2. Assolutamente d’accordo in tutto. Dovremmo urlare tutti la nostra rabbia e invece stamattina mi accorgo solo che la destra intransigente di Salvini si rafforza in tutta la penisola grazie alla politica cieca, sorda ed egoista in cui non mi riconosco, ma probabilmente si riconosce tanta gente che pensa solo al proprio orticello trascurando il resto!
    Senza più umanità per il prossimo sarà vivere senza etica e di conseguenza tornare indietro nel tempo….

    1. la politica cieca, sorda e disumana che ne viene fuori è frutto della reazione a una sinistra che ha completamente dimenticato i motivi per cui è nata: a questo punto è bene ricordare che la resistenza a queste politiche stupide e inumane riguarda tutto il paese e non soltanto il sud

  3. Bisogna fare la voce grossa dov’è giusto farla; non farla pagare a poveri cristi vittime di un Occidente infame che ha colonizzato, impoverito, armato e ora respinto gente che stava a casa sua e dove noi abbiamo preso schiavi, diamanti, petrolio, terra. La Storia si sapeva che avrebbe presentato il conto.

    1. ricordo ancora, quasi cinquant’anni fa, quando facevo il chierichetto, che ogni anno veniva un padre missionario che operava nel Sahara meridionale nella così detta fascia del Sahel, una fascia umida prima del deserto, che già allora iniziava a restringersi. Ogni anno il missionario ripeteva lo stesso discorso, cioè che la fascia del Sahel si faceva sempre più stretta perché il Sahara la stava divorando per incuria degli uomini, aggiungendo, “quando il Sahel non ci sarà più si verificherà un movimento di popoli che non potete nemmeno immaginare…” ecco che accade, e non dimentichiamo le guerre che la Francia sta combattendo quasi in incognito contro gli integralisti islamici in quelle zone sue ex colonie. Insomma i barconi non vengono dal nulla, e forse nemmeno il Bataclan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.