Flavio Almerighi, a nessun costo

Questi versi di Flavio Almerighi, come una stagione futura eppure già stata (quando io ero figlia) dell’esistenza, mi tornano in mente da stamattina all’alba, quando li ho letti, annidandosi in una parte del cuore e, da mamma, mi proiettano in un domani non troppo lontano in cui la protagonista della poesia potrà essere anche mia figlia… Ed è questa capacità priva di coloranti artificiali, che Almerighi possiede, di rendere il reale con la sottile ferocia da cui non sono esenti nemmeno gli idilli, che mi commuove quando leggo la sua poesia: ha consapevolezza del dolore e nonostante questo non cela la sua smisurata fiducia nell’amore. (Angela Greco)

almerighi

cercherò di esserci, volerti bene
annaspare il sorriso che ti fa bella

ti feci bella

si sa
il tempo vuota i nidi e tutto stanca

l’orribile declino e noi complici

View original post

Se avessi il tempo in tasca – di Sebastiano A.Patanè

dal web

Se avessi il tempo in tasca direi – apriti sesamo –

e le stelle si disporrebbero diversamente, forse

come le mimose in un vaso ossia come le assenze

attorno a me

*

[Sebastiano A.Patanè]

 

Il sasso nello stagno, nel ringraziare per il dono di questi versi, con immensa gioia e affetto vero abbraccia Sebastiano dopo tutto questo tempo, nel quale ha atteso lui e la sua Poesia. Poco da aggiungere: bentornato | Q U I | che poi è anche casa tua!

.

pezzi di cielo che tornano a casa – versi di Francesco Bax

Mi trovo qui fermo immobile

Turbato da mille pensieri e in un vortice di emozioni

In un frastuono sovrannaturale e in un mare freddo

Cercavo…ma nulla

Nessuna voce

Nessun’azione

Nessuno che poteva impedirmi…

Allora mi lascio trasportare dal tempo

e in un puzzle fraziono ogni perpetuo movimento:

dopo tre otto mi paralizzo

e con lo sguardo rivolto verso il basso

noto sugli scogli latte che schizza…

.

pezzi di cielo che tornano a casa