Domenico Modugno, Che cosa sono le nuvole? – sassi sonori

Che io possa esser dannato
Se non ti amo
E se così non fosse
Non capirei più niente
Tutto il mio folle amore
Lo soffia il cielo
Lo soffia il cielo
Così
Ah ma l’erba soavemente delicata
Di un profumo che da gli spasimi
Ah tu non fossi mai nata
Tutto il mio folle amore
Lo soffia il cielo
Lo soffia il cielo
Così
Il derubato che sorride
Ruba qualcosa al ladro
Ma il derubato che piange
Ruba qualcosa a se stesso
Perciò io vi dico
Finché sorriderò
Tu non sarai perduta
Ma queste son parole
E non ho mai sentito
Che un cuore, un cuore affranto
Si cura
L’unico e tutto il mio folle amore
Lo soffia il cielo
Lo soffia il cielo
Così
.

Il 9 gennaio 1928 nasceva a Polignano a Mare (BA) Domenico Modugno, considerato uno dei padri della canzone italiana, “l’incantatore, l’anima del popolo […] il primo grande lavoratore della canzone, il primo cantautore inteso come la modernità della canzone italiana intenderà questa figura: figura del fare canzone, cioè artigiana, ma pure ancora in grado di conservare l’afflato lirico, quell’indicibile che deve aleggiare sulla poesia, insomma quella morbida di culla del riconoscibile sovrannaturale lirico, dell’ispirazione, della potente rivelazione dell’emozione che incontra la ragione e si fa parola: testo musicabile, musica narrabile“. (Rolling Stone)

“Che cosa sono le nuvole?”, singolo pubblicato nel 1968, ultimo 45 giri inciso per l’etichetta discografica Curci, era stato già pubblicato l’anno precedente nell’album Modugno; scritto da Pier Paolo Pasolini ed incluso nel film a episodi Capriccio all’italiana del 1968 (nell’omonimo episodio diretto appunto da Pasolini e recitato anche dallo stesso Modugno), il brano tratta poeticamente e metaforicamente dell’amore e del significato della vita; “l’essenza della vita non sarà perduta se l’umanità sarà ancora capace di sorridere, affascinarsi, commuoversi, rubando qualcosa agli innumerevoli burattinai ladri di identità, diabolici dissimulatori della realtà”. (Giorgia Bruni, Centro studi Pier Paolo Pasolini)

*

Per leggere l”articolo completo (di cui si è condiviso un estratto) ed un interessante approfondimento, per cui si ringrazia di cuore, CLICCA QUI – Radio Città Aperta