Albino Pierro, due poesie

Luca Crocicchi

Albino Pierro, voce tra le più originali nell’orizzonte letterario italiano del Novecento, nacque a Tursi, nel materano, nel 1916 e scomparve a Roma nel 1995; esordì nel 1946 e fin da principio sentì sempre più forte l’esigenza di esplorare mezzi stilistici capaci di esaminare e trasmettere le sue emozioni più profonde, i ricordi della terra natìa, la malinconia per le cose perdute, i sogni, scegliendo, così, di utilizzare per la sua poetica il dialetto, ma non quello parlato, bensì quello arcaico della sua Tursi (dal web).

*

Morire al canto dei grilli

Rivedo il torrente asciutto del mio paese
con quelle pietre così bianche e così grandi
con quelle colline così scarne
più del dolore odiato dagli uomini,
e quelle canne una qua una là
sotto i ponti diruti
sorpresi dalla luna che sbucava da un crepaccio,
cuore della terra divenuta cadavere.

Oh, morire al canto dei grilli in una sera d’estate
Impercettibile filo di luna
fra le colline azzurre del mio paese.

( da Il mio villaggio, 1959)

*

Sùu nente

Sùu nente, nente
e vèv’ acchianne…

e ll’ate, ll’ate
cchigghi’è ca su’?

“Ma su’ tutte quante com’a tti”
amminàzzete u vente.

e accussì m’arricette
e nun ci penze cchiù
ca m’è scardète e scàrdete n’accette.

~

Sono niente

Sono niente, niente,
e vado cercando…

E gli altri, gli altri,
che cosa sono?

“Ma son tutti quanti come te””
minaccia il vento.

E così trovo pace
e non ci penso più
che mi ha scheggiato e scheggia un’accetta.

( da Si pò nu jurne, 1983)

– In apertura: opera di Luca Crocicchi –

Albino Pierro, I ‘nnammurète (Gli innamorati)

I ‘nnammurète di Albino Pierro (Tursi, provincia di Matera, 1916 – Roma, 1995)

Si guardaàine citte
e senza fiète 
i ‘nnammurète.
Avìne ll’occhie ferme
e brillante,
ma u tempe ca passàite vacante
ci ammunzillàite u scure
e i trimuìzze d’u chiante.

E tècchete, na vota, come ll’erva
ca tròvese ‘ncastrète nda nu mure,
nascìvite ‘a paròua,
po n’ata, po cchiù assèi:
schitte ca tutt’i vote
assimigghiàite ‘a voce
a na cosa sunnèta
ca le sìntise ‘a notte e ca po tòrnete
chiù dèbbua nd’ ‘a iurnèta.

Sempe ca si lassàine
parìne come ll’ombre
ca ièssene allunghète nd’i mascìe;
si sintìne nu frusce, appizutàine
‘a ‘ricchia e si virìne;
e si ‘ampiàite ‘a ‘ùcia si truvàine
faccia a faccia nd’u russe d’i matine.

Nu iurne
– nun vi sapéra dice si nd’u munne
facì’ fridde o chiuvìte –
‘ssìvite nda na botta
‘a ‘ùcia di menziurne.

Senza ca le sapìne
i ‘nnammurète se tinìne ‘a mèna
e aunìte ci natàine nd’ ‘a rise
ca spànnene i campène d’u paìse.
Nun c’èrene cchiù i scannìje;
si sintìne cchiù llègge di nu sante,
facìne i sonne d’i vacantìje
cucchète supre ll’erva e ca le vìrene
u cée e na paùmma
casi pàssete ‘nnante.

Avìne arrivète a lu punte iuste:
mo si putìna stinge
si putìna vasè
si putìna ‘ntriccè come nd’u foche
i vampe e com’i pacce
putìna chiange rire e suspirè;
ma nun fècere nente:
stavìne appapagghiète com’a ‘a niva
rusète d’i muntagne
quanne càlete u sòue e a tutt’i cose
ni scìppite nu lagne.

Chi le sàpete.
Certe si ‘mpauràine
di si scriè tuccànnese cc’u fiète;
i’èrene une cchi ll’ate
‘a mbulla di sapone culurète;
e mbàreche le sapìne
ca dopp’u foche ièssene i lavìne
d’ ‘a cìnnere e ca i pacce
si grìrene tropp assèi
lle ‘nghiùrene cchi ssèmpe addù nisciune
ci trasèrete mèi.

Mo nun le sacce addù su’,
si su’ vive o su’ morte,
i ‘nnammurète;
nun sacce si camìnene aunìte
o si u diàue ll’è voste separète.
Nun mbogghia Ddie
ca si fècere zang ‘nmenz’ ‘a via.

*

Gli innamorati

Si guardavano zitti
e senza fiato
gli innamorati.
Avevan gli occhi fermi
e brillanti,
ma il tempo che passava vuoto
vi ammucchiava il buio
e i tremiti del pianto.

Ed ecco, una volta, come l’erba
che si trova incastrata dentro un muro,
nacqua una parola,
poi un’altra, poi più assai:
solo che tutte le volte
la voce somigliava
a una cosa sognata
che la senti di notte e che poi torna
più debole durante la giornata.

Sempre che si lasciassero
sembravano come le ombre
che si allungano nelle magie;
se sentivano un rumore, aguzzavano
le orecchie e si vedevano;
e se lampeggiava la luce si trovavano
faccia a faccia nel rosso dei mattini.

Un giorno
– non saprei dirvi se nel mondo
facesse freddo o piovesse –
uscì tutt’a un tratto
la luce di mezzogiorno.

Senza che lo sapessero
gli innamorati si tenevano per mano
e nuotavano insieme nel sorriso
che le campane del paese spandono.
Non c’erano più angosce;
si sentivano più lievi di un santo,
facevano i sogni delle giovinette
coricate sull’erba e che vedono
il cielo e una colomba
che gli passa davanti.

Erano giunti proprio al punto giusto:
ora si potevano stringere
si potevan baciare
si potevano unir come nel fuoco
le vampe e come i pazzi
piangere ridere e sospirare;
ma non fecero niente:
se ne stavano assorti come la neve
rosata delle montagne
quando il sole tramonta e ad ogni cosa
strappa un lamento.

Chi lo sa!
Senza dubbio temevano
di sparire toccandosi col fiato:
eran l’uno per l’altro
la bolla di sapone colorata;
e forse lo sapevano
che dopo il fuoco scorrono torrenti
di cenere e che i pazzi
se gridano troppo
li chiudono per sempre dove nessuno
oserebbe entrar mai.

Ora non so dove sono,
se son vivi o son morti,
gli innamorati;
non so se camminano insieme
o se il demonio li abbia separati.
Non voglia Iddio
sian divenuti fango nella via.

(dal web — immagine d’apertura: opera di Duy Huynh)

Quattro sassi con…autori contemporanei in 4 poesie: Vincenzo Mastropirro

Quattro sassi con - Il sasso nello stagno di AnGre

“La Giuria del Premio Lerici Pea ha conferito il Premio “Paolo Bertolani” 2015 , dedicato alla poesia dialettale, al pugliese Vincenzo Mastropirro, con la seguente motivazioneLa ricerca poetica di Vincenzo Mastropirro affida a uno dei dialetti più suggestivi del Bel Paese la voce inconscia e materna della Poesia vera, che non ha lingua maggiore né minore, non è antica né contemporanea, ma aspira alla salvezza del mondo delle Origini, fra canto e balbettio, parola e musica, onirismo e iperrealismo, sospesa fra urgenza di testimoniare un mondo perduto e fiducia di proiettarsi nella modernità.” – Roberto Pazzi, Lerici (SP), settembre 2015

*

quattro poesie tratte da Poésìa sparse e sparpagghiòte (Poesia sparsa e sparpagliata) CFR Edizioni Piateda (So), 2013

.

sempre e ovunque

Quanne u fiote s’accarne

ogne vibrazione devènde museche

.

da dà, camèine, scappe e po’ abbuaisce

patrune-e-suotte, du timbe e du sune.

.

Quando il fiato s’accarna,/ ogni vibrazione diventa musica/ / da lì, cammino, corro e poi volo/ padrone e schiavo, del tempo e del suono.

(pag.13)

*

Sotte u tacche du stevole

Ce me sbattene cume nu puolpe

sope a nu scoglie de more

u core s’arrizze e maine sanghe

.

sanghe russe, sanghe vèive

sanghe de zappatiure, sanghe de marenore

.

sanghe ca u sanghe, u omme scettote addavère

pe’ sendisse dèisce po’ ca nan si bbune a nudde

ca stè lendone da stu munne

nu munne ‘ncartote de suolde

nu munne ca te desprìézze.

.

Nan è ad-acchessèje,

omme note dò e dò ne stome

almène èje stoche dò

sotte u tacche du stevole

.

fisse, chiandote ‘ndìérre,

sèmbe prònde ad allenguò radèisce

u cchiù affunne possibele.

.

Sotto il tacco dello stivale

Se mi sbattono come un polpo/ su uno scoglio di mare/ il cuore si arriccia e butta sangue/ / sangue rosso, sangue vivo/ sangue di contadini, sangue di marinai/ / sangue che il sangue, l’abbiamo buttato davvero/ per sentirsi dire poi che non sei buono a mente/ che sei lontano da questo mondo/ un mondo incartato di soldi/ un mondo che ti disprezza./ / Non è cosi,! siamo nati qui e qui ci stiamo/ almeno io sto qui/ sotto il tacco dello stivale/ / fisso, piantato a terra,sempre pronto ad allungare radici/ le più profonde possibili.

(pag.32)

*

La gìénde

La gìénde nan se rènne cunde

nan s’accundènde cchjue

e ce guarde u munne dalla liune, vèite

ca u stonne a fo a bochere a buochere.

.

Caminene, scappene e fuscene,

vonne ‘nanze e rète ca parene fermèiche

cu la pretese d’èsse gegande.

.

Èje sacce ci so. E tiue ci si?

Èje so èje e nan sacce ci si tiue!

Tiue nan si nudde ed èje so chere ca so.

.

Sime chère ca sèime. Virme attercigghiote

viste da saupe, da lendone ma pure da suotte

a tu-a-tiue, a facce a facce.

.

La gente

La gente non si rende conto/ non si accontenta più/ e se guardi il mondo dalla luna, vedi/ che Io stanno bucherellando./ / Camminano, scappano e fuggono,/ vanno avanti e in dietro che sembrano formiche/ con la pretesa d’esser giganti./ / lo so chi sono. E tu chi sei? / Io sono io e non so chi tu sia!/ / Tu non sei niente ed io sono quello che sono./ / Siamo quel che siamo. Vermi attorcigliati/ visti da sopra, da lontano/ ma pure da sotto/ a tu per tu, faccia a faccia.

(pag.58)

*

U diarie

So prevote a tenaje nu diarie

quanne ere uagnaune.

.

Guardaje re pagene numerote

ma nan arresciaje a scrive nudde.

.

Cchiù passaje u timbe

cchiù re pagene geraine vacande.

.

U vute du diarie, però

ìégne la vèite de sunne

ed è inutele scrive illusione.

.

Le sunne nan vonne mè scritte.

.

Le sunne, chire ca addavere le vè apprisse,

quanne mène tu aspitte stonne ‘nanze a taiche. Auandele.

.

Il diario

Ho provato a tenere un diario/ quando ero ragazzo./ / Guardavo le pagine numerate/ ma non riuscivo a scrivere niente./ / Più passava il tempo/ più le pagine giravano vuote/ / Il vuoto del diari, però/ riempie la vita di sogni/ ed è inutile scrivere illusioni./ / I sogni non vanno mai scritti./ / I sogni, quelli che davvero insegui, quando meno te lo aspetti sono vicine a te. Prendili.

(pag 54)

* * *

Vincenzo Mastropirro (Matera 1960) è di Ruvo di Puglia (Ba), vive a Bitonto. Flautista, compositore, poeta, didatta. Ha suonato per importanti teatri e sale concertistiche in Italia e all’estero Egitto, Francia, Inghilterra, Germania, Marocco, Spagna, Malta, Romania, Austria, Iraq, India, Grecia ed ha inciso oltre 20 CD col Trio Giuliani, col Mastropirro Ermitage Ensemble, con La Banda di Ruvo e con altre formazioni cimentandosi in un repertorio che va dal classico al contemporaneo, dalla contaminazione all’improvvisazione. Per la poesia ha pubblicato: Nudosceno LietoColle ed. Faloppio (Co) 2007; Tretippe e Martidde (questo e quest’altro) nel dialetto di Ruvo ed. Perrone lab Roma 2009; AA.VV. Pugliamondo, Edizioni Accademia terra d’Otranto – Neobar 2010; AA.VV. Guardando per terra – Voci della poesia contemporanea in dialetto – a cura di Piero Marelli, Lietocolle ed. Faloppio (Co) 2011 (con CD a cura di Vincenzo Mastropirro); AA.VV. Materia Prima 13 autori a cura di Letizia Leone, Giulio Perrone ed. Roma 2012; Poésìa sparse e sparpagghiòte (Poesia sparsa e sparpagliata) CFR Edizioni Piateda (So) 2013; AA.VV. L’Italia a pezzi Antologia di poeti italiani in dialetto a cura di M. Cohen, V. Cuccaroni, G. Nava, R. Renzi, C. Sinicco, Ed. Gwynplaine Ancona 2014; Tretippe e Martidde 2.0 SECOP Editore 2015. Ha vinto alcuni importanti premi letterari nazionali e compare in varie antologie, riviste e blog letterari. Gli è stato riconosciuto il Premio Lerici/Pea 2015 Sezione Poesia in dialetto “Paolo Bertolani”. Per musica e poesia ha pubblicato con Mastropirro Ermitage Ensemble: Ballate, su liriche di Alda Merini (cd Phoenix Classics, 1999); Mater Dolorosa, Stabat su laude dialettali pugliesi (cd Emmessegi 2003); Dopo molto di te, con liriche di Giampiero Gelmi (cd Lietocolle, 2007); Songs, su liriche di Vittorino Curci (cd Terresommerse, 2007); La bambina cieca e la rosa sonora su testo A. Farabbi (Libro/CD/DVD   Lietocolle, 2010); Musica lontana, su poesie in dialetto di V. Curci (cd Leo Records, 2011); Mater Dolorosa, Stabat su laude dialettali pugliesi (cd Digressione Music -nuova ed.- 2013).  Sito internet www.vincenzomastropirro.it

copertina-singola

Vincenzo Mastropirro